MilanoPost polizia arresto

Romeno entra in chiesa via Bellotti e spacca tutto, De Corato “Paghiamo a caro prezzo le politiche di accoglienza di Sala e csx”

Milano

E’ ancora vivido il ricordo di marce pro-immigrati e pranzi multietnici al Sempione.

 «Con stupore, amarezza e tanta rabbia, apprendo che sabato  pomeriggio  un cittadino romeno ubriaco, è entrato nella chiesa di via Felice Bellotti e ha distrutto alcune parti della stessa. Rimango basito del fatto che, oramai, nella nostra città nemmeno nelle chiese a due passi da piazza Duomo i milanesi e i turisti possono stare tranquilli!

Non è la prima volta che questo genere di fatti, o ben peggiori, accadono e si verificano a Milano. Sabato sera, per esempio, alla Bovisa un egiziano è stato ferito a coltellate. Puntualmente e quasi totalmente, questi avvenimenti, vedono protagoniste persone non italiane. E’ il caro prezzo che paghiamo a causa delle politiche di accoglienza degli stranieri, attuate negli ultimi anni da Sala e da tutto il Centrosinistra milanese.

Mi riferisco, in particolare, alle marce pro-immigrati e ai pranzi multietnici tenutisi al parco Sempione nel 2017 promossi dallo stesso primo cittadino e da Majorino, a cui si somma i “porti aperti per tutti” dei precedenti Governi, soprattutto con l’ex Ministro degli Interni Luciana Lamorgese. Grazie a queste politiche, decine di migliaia di stranieri sono venuti a Milano, come il romeno di sabato pomeriggio, e una buona parte di loro delinque e compie attività illecite come spesso leggiamo dalle notizie di cronaca».

Così l’On. di Fratelli d’Italia Riccardo De Corato sul cittadino romeno che  è entrato nella chiesa di via Felice Bellotti a Milano e ha distrutto alcune parti interne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.