Traffico droga, scoperta rete internazionale: sequestrata Galleria Arte Moderna

Cronaca

 La Polizia di Stato, a conclusione di un’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano – D.D.A, sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 31 persone gravemente indiziate di essere a vario titolo collegate a un’associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di ingenti quantitativi di stupefacenti e con forti legami con trafficanti sudamericani, latitanti ed esponenti di spicco della criminalità organizzata. L’attività, svolta grazie a una significativa e articolata cooperazione internazionale coordinata da Eurojust, sta interessando diverse regioni e nazioni tra cui l’Olanda, la Spagna e la Lituania con l’esecuzione di arresti, circa 50 perquisizioni, e sequestro della galleria d’arte moderna “ART3035 Gallery”, con sede nel centro di Amsterdam, ritenuta, allo stato delle indagini, luogo per riciclare parte dei proventi del narcotraffico attraverso fittizie vendite di opere di famosi esponenti del mondo della street art. Le indagini hanno avuto anche il supporto, nell’ambito della cooperazione di polizia, di Europol, del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine, della Direzione Centrale Servizi Antidroga e del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia – Divisione Interpol e Divisione SI.RE.NE. L’operazione condotta dai poliziotti della Unità Specializzata Antidroga della Squadra Mobile della Questura di Milano è iniziata a settembre 2019 con l’individuazione di una cellula locale di trafficanti milanesi, riconducibile a due imprenditori nel campo della ristorazione, dalla quale si è risaliti a un importante broker internazionale della droga con collegamenti diretti con referenti sul territorio nazionale della criminalità organizzata campana, pugliese e albanese. Nel corso dell’attività, sviluppata in un ambito di cooperazione internazionale giudiziaria e di polizia, in Lituania, Spagna, Olanda e in Lombardia, Piemonte, Toscana, Lazio, Campania e Puglia si stanno effettuando quasi 50 perquisizioni e sequestri di conti correnti di due aziende di logistica e trasporti con sede a Pero (MI) e a Como. Perquisizioni anche presso un circolo a Cologno Monzese (MI) riconducibile a un noto gruppo di motociclisti, di cui due appartenenti sono risultati coinvolti in una rilevante importazione sul territorio nazionale di hashish. (mianews)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.