Toni Capuozzo “Sulla strada del ritorno”

Esteri

Me ne sto tornando a casa. E prima o poi provo a raccontarvi i Balcani, dove ha funzionato il richiamo tribale: musulmani e croati con l’Ucraina, serbi con la Russia. I solitari, come dappertutto, sono pochi. Guardo le immagini dalla guerra, e mi feriscono i dettagli. Quella gabbietta con un gatto, posata a terra dalla famiglia annientata nella fuga. Gi anziani che arrancano. I bambini sicuri dell’onnipotenza dei genitori, e si sbagliano. Si può fermare ? Non lo so, ma so che c’è molta ipocrisia, a cominciare da Londra, così bellicosa, ma ferma nell’imporre il visto ai rifugiati. Ci verrà a noia anche questa guerra, forse. Intanto mi sembra che il ritorno a qualcosa che assomigli a una tregua non ha molte alternative:

-continuiamo a inviare armi. In una settimana sono stati sbarcati in un aeroporto ucraino 17mila missili anti tank e 2000 antiaereo. Possono cambiare le sorti del conflitto ? Crediamo di poter vincere ? E’ una strada: puntare sul dissenso interno russo, sull’ammissione di una sconfitta da parte di Putin…. Non credo.

– inviamo aerei, e no fly zone. Siamo pronti a imbarcarci in un conflitto mondiale.

– Zelinsky invece di chiedere aerei e no fly zone, accetta di impegnarsi a non entrare nella Nato, di concedere larghe autonomie ai secessionisti, di sciogliere il battaglione Azov e mettere fuori legge Centuria (stranamente nessuno ne parla mai…). Sì, è umiliante, ma quante vite umane salvi, mettendo Putin in difficoltà, obbligandolo a rilanciare chiedendo dimissioni di Zelensky e indipendenza delle repubblichette, ma insomma è diplomazia…..

– intervieni a mediare. L’Europa, mandando armi, si è bruciata la possibilità di mediare, fatto salvo le telefonate senza effetto di Macron. Israele ci ha provato. Le Nazioni Unite sono un fantasma. La Turchia, simbolo dei valori del campo occidentale, come sappiamo. La Cina….come in un cambio di figurine, salvo Ucraina, svendo Taiwan.

No ? In un pessimo gioco dell’oca, torni al punto di partenza: combattere. Faremo monumenti, e intitoleremo strade.

 

Post Toni Capuozzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.