Erp, Mattinzoli: protocollo San Siro, prosegue impegno per riqualificazione

Milano

La Giunta regionale lombarda, su proposta dell’assessore alla Casa e Housing sociale, Alessandro Mattinzoli, ha approvato lo stato di avanzamento del ‘Protocollo San Siro’ e un nuovo intervento a sostegno del volontariato del quartiere. Continua così l’azione di Regione Lombardia per attuare gli impegni del Protocollo, sottoscritto il 26 ottobre scorso, per la rigenerazione del quartiere San Siro che coinvolge oltre Regione Lombardia, Prefettura di Milano, Comune di Milano e Aler Milano con l’obiettivo di avviare interventi volti alla riqualificazione urbanistica e sociale. Con questo provvedimento si approva la concessione in locazione di un alloggio SAP da proporre in locazione, a canone concordato, per 15 anni, da destinare a progetto sociali dedicati ai giovani. L’alloggio è stato sgomberato martedì scorso, messo immediatamente in sicurezza e prontamente destinato a uso sociale. “Regione Lombardia – ha precisato Mattinzoli – sta adempiendo a quanto stabilito dal Protocollo. Il nostro obiettivo è quello di rendere vivibile questo quartiere, nonostante ci siano criticità a livelli altissimi che non si possono cambiare in un attimo. Criticità dal punto di vista sociale, economico, strutturale. Noi stiamo cercando di velocizzare questo grande processo di cambiamento e di rigenerazione consapevoli che è complicato. Ma Regione è pienamente convinta dell’obiettivo e si va avanti, anche se la realtà è molto più che complessa. Per questo occorre la buona volontà e la giusta sintesi da parte di tutti. Tra le azioni che ci siamo impegnati a promuovere congiuntamente – ricorda l’assessore – ci sono azioni integrate e progetti relativi a tre pilastri fondamentali: riqualificazione strutturale e recupero degli immobili dell’edilizia residenziale pubblica; la rivitalizzazione sociale con politiche sociali destinate ai residenti del quartiere e il contrasto all’illegalità e alla diffusione di una cultura della legalità”. L’intervento di oggi si aggiunge agli altri interventi che sono stati attuati nelle ultime settimane da Regione e Aler Milano. Sono state insediate nuove portinerie, con nuovi custodi a partire da gennaio 2022 in viale Mar Jonio, 3, piazza Selinunte, 6, via Tracia, 4 e via Abbiati, 6 e, a breve, via Paravia, 84, via Zamagna, 4 e via Tracia, 1. È stato avviato anche un programma di vigilanza per garantire la sicurezza degli stabili che proseguirà nel 2022. “Un’azione – sottolinea l’assessore Mattinzoli – che si inserisce nelle politiche di contrasto alle occupazioni abusive degli alloggi popolari”. Inoltre, è previsto un programma di assegnazione di 100 alloggi per famiglie con reddito medio per favorire il mix abitativo. È in fase di perfezionamento il progetto C.A.S.A. (Centro Aler per i servizi abitativi), un’iniziativa sperimentale per attivare servizi domiciliari sociosanitari con l’Asst ‘Sacco’ in piazza Selinunte in un ex spazio commerciale di proprietà di Aler Milano. È stato finanziato un nuovo progetto di riqualificazione, a cura di Aler, degli stabili di via Ricciarelli e via Gigante per 7 milioni di euro nell’ambito del Programma Sicuro verde e sociale del Fondo complementare al Pnrr. “Un intervento – ricorda l’assessore – che si aggiunge al Programma Pinqua da 15 milioni (vie Paravia, Newton, Gigante e Ricciarelli) e al Programma CIPE da 6 milioni (vie Abbiati, Aretusa, Giganti e Zamagna)”. “Non ci fermiamo qui – ha concluso l’assessore Mattinzoli – e, come Regione, proprio nel rispetto dei punti stabiliti dal Protocollo, abbiamo invitato Aler a mettere a disposizione ulteriori spazi a disposizione del Comune di Milano per assicurare la presenza istituzionale di servizi sociali e di presìdi per la sicurezza e di efficace gestione della raccolta rifiuti nel quadrilatero”. (mianews)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.