Anche Zangrillo tra i medici volontari per vaccinare i nonni

Milano

In fila, ordinati, sorridenti, i nonni si sono recati nelle sedi preposte alla vaccinazione. Accompagnati da un familiare, assistiti e convinti di riacquistare la libertà di movimento che diventa socialità, vita. Sono arrivati spesso in anticipo, senza timori, ma informati e disciplinati. Hanno visto una guerra, hanno attraversato tempi difficili e…fanno molta tenerezza.

Non un “lavoro di secondo piano”, ma “una delle esperienze più belle della mia vita”. Anche Alberto Zangrillo è tra i medici che hanno risposto alla chiamata per somministrare i vaccini, dando una settimana fa la propria disponibilità alla Regione ed entrando poi in servizio in una Rsa di Milano. “Senti che fai qualcosa di speciale per persone che potrebbero correre grandi rischi a causa del virus. E ti immedesimi”, ha spiegato il professore, primario di Anestesia e rianimazione all’ospedale San Raffaele e prorettore dell’Università Vita-Salute, chiamando affettuosamente i suoi pazienti “nonni”.

Zangrillo ha preso la decisione “una settimana fa”. “Ho chiesto alla Regione e mi è stato detto che avrei potuto essere di supporto nelle strutture in capo all’Asst Fatebenefratelli-Sacco. Nei giorni scorsi ho preso conoscenza della procedura e iniziato le vaccinazioni alla Rsa Quarenghi e al centro Girola con i miei collaboratori“, ha raccontato al Corriere della Sera, che ne ha raccolto la testimonianza. “Lo faccio per i miei figli. Stiamo rubando loro il futuro”, ha aggiunto il professore, sottolineando che “il problema non è che ci dimentichiamo gli anziani, ma le persone”. “Stiamo vivendo sull’onda di previsioni e teoremi che si discostano dalla realtà quotidiana. Il mio piccolo apporto – ha spiegato – vuole essere dimostrativo e soprattutto pratico, un riconoscimento d’attenzione per chi è stato oggetto di discorsi vili”.

Zangrillo, quindi, ha sottolineato che “qualcuno ha pensato che si potessero applicare priorità di intervento terapeutico in base all’età“. Ma “se si va per categoria vuol dire che non abbiamo capito nulla”. “Se sono bravo con il triage, vado incontro alle necessità di cura del paziente. Ogni malato ha bisogno di una sua terapia. Questa malattia – ha chiarito il medico – ci ha insegnato un comandamento: la terapia del malato inizia a domicilio. E l’errore terapeutico a domicilio spesso si paga con la morte del paziente”. Un esempio.

Anna Ferrari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.