Ritorneremo insieme perché “Milan se canta inscì”

Milano

Non è proibito volare, reclusi senza via di scampo in casa. Ma sì volare con la memoria a un tempo in cui una cantata era amicizia, un bicchiere di vino allegria, la piola ai Navigli una “Scala” per la gente della fatica quotidiana. Ma a pensarci bene ritrovi l’ironia, la condivisione, la poesia di Alda Merini. Ricordo: alla Conchetta cantava un vecchio, la barba incolta, una chitarra strausata e forse mai pulita, ma quando cantava El barbun di Navili, creava il fiato sospeso della commozione. E poi scoppiava il coro che era un inno in meneghino a Milano. Perché…

Milan se canta inscì

Per mi gh’énient de mej che ‘nda a la sera
In ona piola e cont chitarra in man
Cantà in meneghin e faa in manera de fam
Capì quand parli de Milan
Che bell scoltà ‘o mia bella Madonnina’
Se an coro improvvisaa el me rispond
La nostra l’é ‘na madonna pellegrina
Che num portom in ger per tutt el mond.

Milan v’el disi mì
Per minga fagh dispett
Se dev cantala inscì
Col so dialett
E a chi ries no a capì
Regali la melodia
Cont mi se passa on’ora
In allegria.

Me pias de tant in tant tornà all’antiga
E fagh i serenaad ai bei tosan
Sonà e cantà per mi l’é no fadiga
E sont mai stuff se parli de Milan (Mimmo Dimiccoli)

Quante “piole” sogno e quella vita ricca di umanità…chissà se canteremo insieme “inscì”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.