Scuole chiuse. Il Comune chiarisca che i pasti non erogati non si pagheranno

Fabrizio c'è Milano

Da 10 giorni le scuole sono chiuse a Milano. Quindi gli studenti delle primarie non consumano i pasti nelle mense scolastiche. Il blocco è attualmente previsto fino a Domenica ma non si esclude una nuova proroga.

Milano Ristorazione ha quindi sospeso la preparazione dei 70.000 pasti giornalieri e il suo Presidente Bernardo Notarangelo ha in maniera intelligente disposto che i prodotti deperibili fossero donati alle mense per i poveri.

Peraltro, da contratto di servizio, il Comune paga a Milano Ristorazione (Miri)  solo i pasti effettivamente serviti.

Quindi oggi  il Comune non paga MiRi  ma non ha ancora comunicato alcuna riduzione dei bollettini per le mense ai genitori.

Per questo ho scritto agli Assessore al Bilancio e all’Educazione affinché dispongano nel prossimo pagamento una riduzione pari ai giorni di pasti non erogati.

La chiusura delle scuole, che peraltro potrebbe prolungarsi, ha già comportato per le famiglie disagi e anche costi aggiuntivi.

Quindi non conteggiare nei bollettini di refezione scolastica i pasti non effettuati è cosa ragionevole e legittima e dovrebbe essere pure scontata.

Tuttavia alla luce della purtroppo già manifesta fame di entrate del Comune nonostante l’emergenza (vedi Area C ancora in vigore , abbiamo preferito mettere per iscritto la richiesta di chiarimento perché con questa Giunta non si sa mai.

1 thought on “Scuole chiuse. Il Comune chiarisca che i pasti non erogati non si pagheranno

  1. Ad oggi la donazione alle mense dei poveri non è stata fatta da Milano Ristorazione, ma da me e dai tanti genitori che stanno pagando il servizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.