Bollette, le novità in arrivo con il nuovo anno: come far fronte ai rincari

Economia e Diritto

Gestire una casa può diventare una missione molto costosa, oltre che complessa. Le famiglie italiane, non a caso, sanno bene quanto possa risultare dispendioso l’elenco delle voci di costi che appartengono alle proprie abitazioni.

Fra le spese che vanno ad incidere maggiormente sul budget familiare, troviamo come di consueto i costi relativi alle bollette di luce e gas. Inoltre la gestione del budget risulta difficile anche per via dell’intervento dei temuti rincari energetici, non previsti e dunque alle volte sorprendenti.

La missione, quindi, è evitare di ritrovarsi in difficoltà, magari organizzandosi prima per affrontare questi rincari e contenere i consumi energetici in casa. Ecco perché oggi studieremo queste novità e i metodi per far fronte agli aumenti previsti per il prossimo anno.

Inizio 2019: previsti nuovi rincari energetici

Durante l’arco di quest’ultimo anno l’Arera ha provato a contenere i costi relativi alla luce e al gas, ma a breve si vedranno le conseguenze di questo rinvio.

Nella fattispecie, il gettito perso a fine 2018 dovrà essere recuperato a inizio 2019. Il che presuppone un aumento dei costi legati all’energia e di riflesso la previsione di bollette più care per le famiglie italiane.

Così, se da un lato rimarranno invariati i costi della materia prima, dall’altro torneranno a salire le voci relative agli oneri di sistema. Gli aumenti saranno comunque rilevanti, perché il già citato gettito mancante corrisponde a due miliardi di euro e andrà recuperato entro gennaio del prossimo anno.

Gli aumenti, dunque, verranno applicati non agli oneri generali ma a quelli di sistema: dunque non si tratta di aumenti che verranno applicati alle tariffe vere e proprie.

Le strategie per far fronte ai rincari previsti

Sono diverse le strategie applicabili per prepararsi ai rincari sopra citati, intervenendo per abbattere i consumi e le spese di energia in casa.

In primo luogo conviene rivolgersi ad un fornitore operante nel mercato libero: operazione che diventerà obbligatoria in tutta Italia. Conviene effettuare questo passaggio già a partire da ora, perché le offerte e le tariffe di luce e gas dei nuovi operatori (tra questi c’è anche il nuovo servizio della Coop) non devono sottostare ai prezzi imposti dall’Autorità per l’Energia, e dunque possono essere inferiori agli standard di mercato.

Risolto questo primo aspetto, è il caso di comprare degli elettrodomestici connotati da una elevata classe energetica, da A+ ad A+++, per ottimizzare i consumi quotidiani. Serve anche modificare il nostro stile di vita in casa, per renderlo maggiormente sostenibile, optando per le lampade LED ed evitando lo stand-by dei device elettronici. Infine, è bene concludere sottolineando tutta l’importanza dell’uso di termo-valvole e dell’installazione di un cappotto termico per l’isolamento.

A gennaio del prossimo anno i costi energetici in bolletta aumenteranno di nuovo, quindi conviene farsi trovare preparati. È bene cominciare sin da subito e adottare le numerose soluzioni viste oggi, per poter attutire gli inevitabili rincari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.