Lodi, la Cgil dalla parte sbagliata. Ancora

Politica

La Cgil non capisce che i tempi sono cambiati. Essendo ormai un’associazione di pensionati non comprende che la difesa dei privilegi degli immigrati non può essere sostenibile. Ma abituati a sostenere idee impossibili da realizzare sulla question e di Lodi si schierano dalla parte sbagliata. Questa la dichiarazione rilasciata ieri: “Non è secondo la costituzione che alcuni cittadini possano accedere in maniera agevolata ai servizi scolastici come mensa e trasporto con un’autocertificazione mentre per gli extracomunitari che desiderano agevolazioni venga richiesto un certificato dai Paesi d’origine, difficilissimo da avere, che attesti se hanno o no beni immobili o mobili registrati”. Lo ha detto Franco Stasi, segretario generale della Cgil di Lodi, parlando in piazza Castello, davanti a quasi 500 persone.
La questione ora è al vaglio del tribunale di Milano che forse sarà dalla parte degli italiani, da sempre obbligati a produrre certificati per tutto, forse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.