In Triennale, l’abitare contemporaneo in mostra

Cultura e spettacolo

Milano 13 Gennaio – Non è una mostra sulla casa del futuro, perché, come ha detto il suo curatore Stefano Mirti, “nel futuro ci siamo già”. Ma quella che dal 12 gennaio al 2 aprile apre la stagione 2018 della Triennale di Milano è “una grande indagine sul nuovo concetto di casa, di abitare, di senso di dimora nell’era tra mondo fisico e mondo digitale”.

L’esposizione ‘999’, presentata a Milano, è “una collezione di domande sull’abitare contemporaneo”. “Una mostra che parte dalle tre grandi innovazioni di questi anni – ha detto Mirti – da quella tecnologica a quella del costume, fino ai cambiamenti del concetto stesso di famiglia e quindi di casa”.

Nello spazio al primo piano una cinquantina di co-curatori provenienti da vari ambiti hanno allestito i loro suggerimenti per la casa vissuta da diversi punti di vista. Soluzioni per chi condivide l’abitazione con sconosciuti (l’isolamento acustico, la divisione degli spazi) o la casa vista da chi

 è malato di Alzheimer o chi in casa ci lavora. Soluzioni artigianali, di laboratorio, una manifattura digitale e con rispetto per l’ambiente. Come il laboratorio sui ‘Lari’, figure degli spiriti dei defunti tenuti in casa come protezione, reinterpretati  in chiave moderna. Apre un’installazione Edison, partner della mostra, con le 999 domande a cui la nuova casa dovrebbe dare delle risposte. Fino ad aprile inoltre un lungo palinsesto di eventi legati alla rassegna.(Repubblica)

Milano Post

Milano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 Milano.
C.F/P.IVA 9296810964 R.E.A. MI – 2081845

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.