Turista lombardo avvelenato in Laos, uscito dal coma

Cronaca

Milano 5 settembre – E’ uscito dal coma Gianluca Di Gioia, il turista di 36 anni, residente nel Varesotto, avvelenato e rapinato mentre si trovava in vacanza in Laos. Lo ha reso noto il fratello Salvatore che insieme alla madre si trova da alcuni giorni in Thailandia, dove l’insegnate di inglese era stato ricoverato in gravi condizioni dopo l’aggressione. “Ha gli occhi aperti, è ancora intubato, ma respira autonomamente – ha spiegato all’ANSA Salvatore – Alla domanda ‘Gialunca ora andiamo a casa’, ha fatto un cenno di si con la testa, ma ancora non sappiamo se è perfettamente in grado di capire”. Per Gianluca si erano mobilitati i suoi amici, che in pochi giorni hanno raccolto oltre 100.000 euro per sostenere le spese della famiglia in Thailandia e quelle del trasporto in Italia del giovane, con sottoscrizioni da tutta Italia.

Restano comunque gravi le sue condizioni: i medici del Bangkok Hospital di Udon Thani in Thailandia, dove è stato ricoverato, sono riusciti a svegliarlo dal coma, ma poco dopo ha avuto una nuova crisi respiratoria. “Purtroppo è stato necessario attaccarlo ancora alla macchina – ha detto il fratello – Già nei giorni scorsi i medici avevano fatto un paio di tentativi per risvegliarlo, ma poi ci avevano rinunciato perché le reazioni non erano state quelle che si aspettavano”. (Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.