Basiglio è il Comune più ricco d’Italia: qui abita chi guadagna più di 10 mila euro al mese

Lombardia

Milano 23 Luglio – L’Italia che dichiara alti redditi, sopra i 120.000 euro annui, vive nella ricca provincia del Nord. Il Comune con il maggior numero di Paperoni, rispetto al totale dei contribuenti, si riconferma Basiglio, in provincia di Milano, dove si trova il quartiere di «Milano 3» costruito negli anni Settanta dalla Edilnord di Silvio Berlusconi. Qui 392 dei 5.130 contribuenti, ben il 7,6%, dichiarano redditi lordi superiori a 10 mila euro al mese (dati 2015). Al secondo posto Cusago, sempre in provincia di Milano, dove la quota di super-contribuenti raggiunge il 4,8%, seguito da Pecetto Torinese (4,0%).

Il ricco nord
Nella «top 10» figurano Luvinate (Va) con il 3,9%, Pino Torinese (To), con il 3,9%, Torre D’Isola (Pv) al 3,8%, Segrate (Mi) al 3,5%, Gallate Lombardo (Va) 3,5%, Portofino (Ge), al 3,5% e Gavazzana (Al) al 3,4%. È quanto emerge da una ricerca sulle dichiarazioni dei redditi relative al 2015 di UHY Italy, network che raggruppa società di consulenza fiscale, revisione e consulenza sul lavoro.
I fratellini tolti ai genitori
Proprio per la fama di ricchezza che circonda Basiglio, fece scalpore nel 2008 la vicenda dei due fratellini tolti ai genitori per un disegno osé che venne attribuito alla bambina di 9 anni, mentre invece era stato fatto da una sua compagna per umiliarla. I piccoli furono prelevati proprio durante la festa per il 13esimo compleanno del maggiore e alloggiati in due diverse case-famiglia. «I figli di due persone umili non sono visti di buon occhio. Anche la scuola si è schierata contro di loro. È bastato un sospetto», spiegò l’avvocato. Alla fine tutto crollò come un castello di carte: assolti la preside, due maestre, lo psicologo e l’assistente sociale. Rimase la sofferenza di due piccoli ingiustamente allontanati dalla loro casa per 69 giorni e segnati per sempre. La famiglia, che era a Basiglio da 10 anni, dopo il fatto si trasferì altrove. (Corriere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.