Milano, ogni anno rubate 10mila bici: “E i ladri si accontentano anche di bici vecchie vendute a 10 euro”

Cronaca

Milano 15 Maggio – Quando la polizia locale ha citofonato a casa sua comunicandogli di aver ritrovato la sua bicicletta, non sapeva neppure che qualcuno gliel’avesse rubata qualche giorno fa. «È qui, legata in cortile», ha detto Massimo, 39 anni, agli agenti in un primo momento. E invece nel suo cortile non c’era nulla. Era proprio la sua, la bici trovata ieri insieme ad altre nove dalla squadra Contrasto bici rubate della polizia locale, coordinata dal comandante Antonio Barbato e diretta dal vice commissario Daniele Lo Presti. Spiccava insieme ad altre nove, esposta a una bancarella della fiera di Senigallia in Ripa di Porta Ticinese. Il numero di telaio era stato attribuito al proprietario contestualmente all’acquisto avvenuto alla Decathlon di largo Cairoli nel 2010, quindi è stato semplice risalire subito al 39enne. Mentre l’ambulante titolare del banco, un marocchino di 59 anni, regolare, con un precedente per furto di biciclette, è stato denunciato per ricettazione.

Accanto ai vestiti in vendita aveva messo in bella vista le dieci due ruote. Sulle altre nove ora sono in corso accertamenti. Il venditore non ha saputo giustificarne la provenienza: il sospetto è che siano anche queste oggetto di furto. A settembre del 2015 era finito nei guai un altro ricettatore «insospettabile», un negoziante della Darsena, per cui era stata chiesta la revoca dello spazio commerciale, pizzicato a rivendere 19 biciclette di provenienza furtiva. Le foto di tutte le bici recuperate dalla squadra della polizia locale vengono pubblicate sulla pagina Facebook «Bici rubate e ritrovate – Polizia locale Milano» curata dalla stessa polizia locale, quindi chi è rimasto vittima dei ladri può dare un’occhiata alla gallery, chissà che non scovi la sua tra quelle ritrovate.

Ma quante bici vegono rubate all’ombra della Madonnina? Impossibile stabilirlo con certezza perché non ci sono dati ufficiali. Una fonte qualificata, lo scorso anno aveva fatto una stima riportata su queste pagine: 18mila casi all’anno. Ma adesso, anche se i manolesta sono sempre all’opera, gli addetti ai lavori rilevano che sarebbero 10mila le bici sparite nell’arco dell’ultimo anno. Quasi 30 al giorno. Un calo da attribuire anche alla presenza di una squadra che si dedica esclusivamente a stanare, e frenare, i ladri di velocipedi. Altro elemento riscontrato è l’abbassamento di livello. Cioè, mentre prima a fare gola erano soprattutto i velocipedi più nuovi e costosi, adesso «ci si accontenta di più», detto in parole spicce. Questo è quello che riscontrano gli esperti monitorando i mercatini in cui tradizionalmente si trovano bici (anche) di provenienza furtiva. Per esempio in piazzale Cuoco è facile trovare bici di basso livello, alcune pure arrugginite, vendute a 10 o 20 euro.

Marianna Vazzana (Il Giorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.