Scala, Meyer: lascio teatro in ordine e pronto ad eventuali sfide del futuro

Milano

“Quelli che mi conoscono sanno che non sono una persona molto orgogliosa ma sono comunque consapevole di lasciare dietro di me una Scala modernizzata, un teatro in ordine e preparato per le sfide del futuro”: lo ha detto il sovrintendente del Teatro alla Scala Dominique Meyer durante la conferenza stampa di presentazione della stagione 24-25 del Piermarini.

Meyer nel 2025 lascerà la direzione del Teatro e al suo posto arriverà Fortunato Ortombrina. Una sostituzione dettata dal quadro normativo tanto che anche lo stesso Meyer ha ricordato “sarei stato felice di andare avanti e il Consiglio lo voleva”. In ogni caso “sto molto bene, sono un uomo felice sereno e gioioso“, ha tenuto a precisare, ricordando gli incarichi anche passati, come all’opera di Parigi, a Losanna e a Vienna. “Uno che abbia fatto questo percorso non ha il diritto di lamentarsi”, ha detto. “Qui – ha poi raccontato ripercorrendo la sua esperienza scaligera – ho dovuto spesso mettere i vestiti del sovrintendente e meno quelli del direttore artistico perché era necessario”. “Abbiamo iniziato con il Covid e ci sono state conseguenze fino a poco fa” con “una lunga catena di cambi, sostituzioni, bricolage“.

Alla Scala ha detto ancora rivolto a tutti i collaboratori e protagonisti del Teatro “sono stato accolto, la squadra è diventata una famiglia. Vi ho chiesto molto. Abbiamo rinnovato la Scala da capo a piedi. Abbiamo fatto un bel lavoro”. A chi gli chiedeva se lascerà a febbraio 2025, scadenza naturale del suo incarico o invece, come da proroga proposta dal Cda, ad agosto 2025 appena prima di compiere 70 anni che è limite d’età previsto dalla normativa, Meyer ha risposto: “Vedremo, d’altra parte, onestamente, mi hanno fatto aspettare due anni e mezzo per darmi il risultato di queste discussioni, quindi possono aspettare qualche mese che io dia la mia risposta”. “Io faccio il mio lavoro – ha aggiunto – poi a un certo punto partirò gentilmente e con cortesia, come ho sempre fatto. Sono contento che Fortunato Ortombina sia il mio successore: nella vita hai sempre un predecessore e un successore e sono felice che Fortunato sia il mio successore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.