ATM: doppio sciopero, uno il 16 giugno (metro e bus a rischio) e l’altro di una settimana

Milano

Nel mese di giugno è in programma un doppio sciopero che coinvolgerà il personale Atm di Milano, mettendo a rischio la circolazione di metro, bus e tram. In particolare con il secondo dei due, quello ‘classico’, in programma per venerdì 16 giugno. L’altra agitazione arriverà invece alcuni giorni prima ma durerà un’intera settimana (dal 5 all’11 giugno) e riguarderà esclusivamente gli orari straordinari.

Lo sciopero Atm di una settimana

Da lunedì 5 a domenica 11 giugno il sindacato Cub Trasporti, insieme a Cobas lavoro privato, Adl Cobas e Sgb, hanno proclamato uno sciopero nazionale del lavoro straordinario. I lavoratori del Gruppo Atm potranno astenersi dal lavoro solo durante gli eventuali turni straordinari, ha fatto sapere l’azienda.

Per quanto riguarda il servizio Atm a Milano, il servizio delle linee metropolitane e di superficie è sempre garantito tutti i giorni, con possibili maggiori attese alle fermate tra le 8:45 e le 15 e dopo le 18. A Como, il servizio della funicolare (gestito da Atm) è sempre garantito, con possibili maggiori attese tra le 8:30 e le 16:30 e dopo le 19:30.

Lo sciopero è stato proclamato “per la riduzione dell’orario di lavoro da 39 a 35 ore settimanali a parità di salario, per la riduzione del periodo di guida e del nastro lavorativo per gli autisti; per l’adeguamento delle tutele sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, nonché per gli utenti del servizio trasporto pubblico locale; per il blocco delle privatizzazioni e delle relative gare di appalto per il trasporto pubblico locale”.

Lo sciopero di 24 ore per il 16 giugno

Dopo lo ‘strano’ sciopero di una settimana, il 16 giugno arriva una più classica agitazione: uno sciopero dei lavoratori di venerdì. La protesta, come si legge nel calendario del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, è stato proclamato dal sindaco Al Cobas. La manifestazione avrà una durata di 24 ore. La circolazione di autobus, tram e dei treni delle cinque linee metropolitane rischia quindi di andare nel caos per tutto il giorno, anche se dovrebbero essere previste le classiche fasce di garanzia negli orari di maggiore affluenza.

Soltanto lo scorso 26 maggio, un altro venerdì, Milano aveva fatto i conti con un altro stop dei mezzi a causa di uno sciopero generale, in quel caso proclamato dal sindacato Usb. Sotto la Madonnina i disagi si erano concentrati nel pomeriggio, dalle 18 in poi, quando la linea rossa era stata chiusa tra Pagano e Bisceglie e la verde tra Cascina Gobba e Cologno nord. (Milano today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.