La casa come luogo di relazione con il cane. A cura dott.ssa Sabrina Giussani

Zampe di velluto

Siamo abituati a pensare che il cane viva una socialita molto intensa principalmente all’esterno delle mura domestiche, al parco 0 durante una passeggiata, senza considerare in realta che anche la
casa e fondamentale nel processo di costruzione di una solida relazione con la famiglia umana. Pensare “da cane” nella propria abitazione vuol dire disporre tutto ciò di cui il nostro amico a 4 zampe può aver bisogno:

II pasto. Bisognerebbe disporre Ie ciotole in luoghi riservati, ad esempio in un angola della cucina in modo tale da poter mangiare e bere indisturbato.

Riposo in cuccia, sempre disponibile, in ogni stanza, di diverse tipologie a seconda delle  preferenze del cane.

Anche in casa iI gioco e importante! Si dovrebbero contenere i giocattoli all’interno di un  contenitore con bordi piu 0 rneno alti a seconda delle dimensioni dell’animale, così da poter essere presi e usati nei momenti prescelti.

Balconi e terrazzi sempre protetti senza ripiani a rischio arrampicamento, e organizzati con tappetini e cucce per gustarsi momenti di relax.

Gli studi scientifici dimostrano che i cani provano esattamente tutte le sei  emozioni umane di base: rabbia, paura, tristezza, sorpresa, gioia e disgusto. E’ probabile che vivano anche emozioni secondarie complesse come l’odio, la vergogna e la gelosia. I cani ci comunicano tutte le loro emozioni attraverso la postura, la posizione delle orecchie, la dilatazione delle pupille, il sollevamento delle labbra e I’esposizione dei denti, la posizione e i movimenti della coda 0 i vocalizzi che emette. Ecco perche e importante conoscere il “body language” del cane: ad esempio, occhi socchiusi, viso “sorridente”, orecchie e corpo rilassati esprimono la gioia, al contrario il corpo richiuso con la coda sotto di se, le orecchie all’indietro e le pupille dilatate sono sintomi di paura. Per costruire con il proprio cane una relazione di buona qualità è fondamentale comprendere le emozioni dell’animale e supportarlo, ad esempio nei momenti di paura accarezzandolo, rincuorandolo e togliendolo dalla situazione spiacevole. In questo processo di costruzione relazionale sono d’aiuto i feromoni, messaggi rassicuranti che aiutano il cane nell’affrontare situazioni di disagio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.