La stretta di mano: un gesto che parla di te

Cronaca

Milano 8 novembre – È un saluto, un gesto di pace e di solidarietà, ma può essere anche il nostro primo biglietto da visita: la stretta di mano è un gesto antico che porta con sé molti significati e che risponde anche a precise regole di galateo. Racconta anche molto di noi stessi e di certo merita una riflessione, specie se vogliamo trasmettere una certa immagine fin dal primo contatto.

LA STORIA DI QUESTO GESTO – L’atto di stringersi la mano ha origine antica: presentarsi con l’avambraccio teso e la mano aperta serviva a dimostrare che non si nascondevano armi nella mano o all’interno della manica. Per questo la stretta di mano è il gesto per eccellenza che esprime la volontà di pace di buona armonia tra i due interlocutori.

QUESTIONI DI FORZA – Fateci caso: che impressione vi fa tendere la mano a una persona che incontrate per la prima volta e ricevere una stretta molle e sfuggente? Di solito è un contatto che trasmette una pessima impressione, perché trasmette l’idea di un interlocutore senza energia e senza volontà. Una stretta troppo energica, che quasi stritola la nostra mano, invece, ci fa immaginare un potenziale avversario, o quanto meno una controparte aggressiva ed egocentrica. Per trasmettere un’immagine positiva di sé è indispensabile proporsi in una giusta via di mezzo, con una certa saldezza, ma senza troppo impeto. La delicatezza è d’obbligo soprattutto in presenza di una mano anziana o molto minuta: stringerla troppo significa imporle un saluto quanto meno doloroso.

IL MOMENTO GIUSTO – Secondo il galateo, ci si stringe la mano quando si viene presentati a qualcuno, quando ci si dice arrivederci, all’inizio o alla fine di una riunione o di un impegno di lavoro o quando ci sembra opportuno all’interno di un contesto lavorativo, ad esempio alla conclusione di un accordo. Èd una buona mossa essere i primi a tendere la mano, guardando il proprio interlocutore negli occhi e facendo un bel sorriso. In questo modo dimostriamo di avere la situazione sotto controllo e di essere pronti a prendere l’iniziativa. Massima cautela invece se ci si trova in un contesto formale, nel quale le gerarchie sono ben delineate e noi siamo nei ranghi più bassi: in questo caso occorre attendere che i nostro superiori si siano salutati e aspettare il nostro turno.

IL MODO IDEALE – Il galateo impone di tendere la mano destra all’altro e attendere che sia l’altro a stringerla (se viceversa è stato l’interlocutore a precederci, possiamo avvicinare la nostra mano e stringere quella altrui). In ogni caso occorre muoversi senza fretta, ma con una certa decisione e senza timidezza, che potrebbe essere scambiata per riluttanza. La mano va offerta con il palmo in posizione perpendicolare rispetto al suolo, senza rivolgerlo verso l’alto o il basso, ma teso a incontrare il palmo dell’altro. Naturalmente fa eccezione il caso in cui la mano destra sia impedita da un ostacolo serio ed evidente, ad esempio da una ferita o da un’ingessatura. Il galateo dichiara che la stretta di mano dura al massimo cinque secondi, con al massimo due o tre oscillazioni dall’alto in basso. Una stretta di mano troppo lunga può far pensare che siamo invadenti e può risultare imbarazzante in certi contesti sociali. Va da sé che, prima di stringere la mano a qualcuno dobbiamo assicurarci di avere le mani pulite e che il palmo non sia sudato. Il ruolo chiave è svolto dal pollice: si devono intersecare in modo avvolgente, trasmettendo una sensazione piacevole e rilassata.

SE FA FREDDO – Quando si indossano i guanti, bisogna sfilarseli prima di stringere la mono a qualcuno. Questo vale sia per gli uomini che per le donne se ci si trova al chiuso, mentre all’aperto tocca solo all’uomo, mentre la signora può conservare il guanto.(Tg.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.