Per 2 ore Frecciarossa Salerno-Milano bloccato in galleria senza corrente né aria: malori a bordo

Cronaca

Milano 18 Luglio – Viaggio decisamente da incubo quello dei passeggeri che lunedì mattina sono saliti a bordo del treno Frecciarossa alta velocità 9514 partito da Salerno e diretto a Milano Centrale.

Poco dopo essere ripartito dalla stazione di Firenze Santa Maria Novella – attorno alle 10 -, il treno ha avuto un guasto e si è fermato in una galleria tra Castello e San Piero a Sieve.

Frecciarossa bloccato in galleria a Firenze

Il treno, con centinaia di passeggeri a bordo, è rimasto fermo nel tunnel con le porte chiuse, senza corrente – quindi senza luce -, né aria condizionata.

A bordo, hanno raccontato gli stessi viaggiatori sui social, si sono registrati diversi malori, fino a che il personale Trenitalia ha aperto le porte per permettere ad alcuni passeggeri – come mostrano le immagini – di scendere.

Il guasto, ha spiegato Fs, non era “rapidamente riparabile” e pertanto – ha proseguito l’azienda in una nota – è “stato inviato, sempre da Firenze, verso le 11.30, un locomotore di soccorso, per agganciare il Frecciarossa guasto e trainarlo indietro a Santa Maria Novella. Qui i passeggeri verranno trasferiti su un convoglio ‘di riserva’ per il prosieguo del viaggio mentre il treno guasto sarà messo in riparazione”.

Tra lo stop e l’arrivo del locomotore di soccorso, però, sono passate oltre due ore decisamente da dimenticare per i passeggeri a bordo.

Treno fermo in galleria: ritardi su tutta la linea

L’inconveniente ha naturalmente mandato in tilt tutta la linea alta velocità Firenze – Bologna, con la circolazione che dalle 10.30 è tornata regolare soltanto tre ore dopo.

In attesa della rimozione del treno 9514 si sono invece registrati ritardi fino a trenta minuti per i treni in viaggio.

Il precedente del Milano-Lecce: malori e ritardi

Soltanto nella notte tra il 13 e il 14 luglio scorsi, scene simili si erano verificate sull’Intercity Milano-Lecce.

Il treno, per vari problemi, aveva accumulato cinque ore di ritardo e dopo diversi malori dovuti al caldo e all’assenza di aria condizionata – anche il capotreno aveva “ceduto” -, un centinaio di viaggiatori aveva deciso di lasciare il convoglio.

Trenitalia aveva garantito rimborsi per tutti i passeggeri. (MilanoToday)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.