I cento cantieri aperti dell’estate: fra M4, lavori nel sottosuolo e strade da riasfaltare

Milano

Milano 11 Giugno – Una città gruviera con cento cantieri aperti, disagi in tutte le zone, una programmazione di lavori caotica, ma, secondo il Comune efficace. Federica Venni su Repubblica elenca con puntualità i cantieri aperti o che si apriranno in estate

“Cantieri della M4, nuovi scavi e asfaltatura delle strade: saranno circa un centinaio i lavori che quest’estate interesseranno la città, dal centro alle periferie, con disagi più o meno significativi a seconda delle zone. Per tutti i lavori, eccetto quelli della metropolitana, si parte ora con la chiusura delle scuole e si andrà avanti fino a settembre – ottobre.

Sono 15 i nuovi cantieri, distribuiti fra centro e periferie, appena partiti o che partiranno da questo mese e si chiuderanno alla fine di settembre. A questi vanno aggiunti quelli già in corso della M4 che interessano una quarantina fra tratti di vie e piazze e quelli per l’asfaltatura delle strade ancora in fase di programmazione (lo scorso anno, nel solo mese di agosto sono stati effettuati 47 interventi).

Milano, la mappa dei cento cantieri estivi

Con una Milano già messa fortemente alla prova con gli scavi della metropolitana, fa sapere il Comune, si è cercato di contenere il più possibile gli interventi con il maggiore impatto sulla viabilità. Ma in alcuni punti nevralgici della città i disagi non mancheranno. Nella zona tra piazza Cinque Giornate e viale Corsica, ad esempio. I lavori nella piazza sono iniziati il 1° giugno e dureranno fino al 3 settembre: qui, il rifacimento dei binari causerà modifiche al percorso di diverse linee di autobus e tram. Approfittando di una viabilità della zona già compromessa, il Comune ha deciso di aprire anche altri due cantieri per il rifacimento delle corsie preferenziali di corso XXII Marzo e viale Corsica (dal centro fino all’incrocio con via Battistotti Sassi): il clou degli interventi sarà nel mese di luglio.

L’altro punto critico è la zona dei Navigli: si scaverà per la posa della nuova rete fognaria sotto l’Alzaia Naviglio Grande. I disagi maggiori saranno concentrati nel mese di agosto con la chiusura, a orari prestabiliti e con accesso riservato ai soli residenti, del tratto di strada che passa sotto il cavalcavia di viale Cassala. Tra giugno e luglio e da settembre, invece, si lavorerà lasciando la zona aperta al traffico. La fine dei lavori è prevista il 15 ottobre. Sempre per il rifacimento delle fognature, tra luglio e settembre saranno aperti cantieri in via Sordello (zona Mecenate) e all’incrocio tra via Rombon e via Crescenzago, vicino alla stazione di Lambrate.

In zona Ripamonti, invece, sono due i cantieri da avviare: tra via Ripamonti, via Lorenzini e viale Ortles si sta riqualificando una parte dell’area. Il tutto dovrebbe concludersi per la fine di luglio. Lunedì prossimo partiranno invece i lavori per il restyling del tratto di via Ripamonti – un chilometro di strada circa – che va da via Serio verso la periferia. Un intervento da 150mila euro che metterà a posto l’asfalto in prossimità delle rotaie del 24: i residenti della zona lo chiedevano per la presenza di grosse buche. Il cantiere chiuderà a luglio e non dovrebbe creare troppi problemi al traffico e agli utenti dei mezzi pubblici: si lavorerà infatti di sera e di notte, tra le 21 e le 5 del mattino. Termineranno il 10 luglio, invece, i lavori in un’altra periferia della città, il quartiere Adriano: qui, insieme alla nuova sede della Siemens si sta riqualificando la zona con relative opere di urbanizzazione. Nessuna chiusura delle strade ma soltanto un senso unico in via Vipiteno nel tratto che va da via Ponte Nuovo a via Tognazzi.

Per lavori alla rete del gas, invece, è aperto un cantiere in corso Magenta nel tratto che va da via Zenale a via Saffi. Sempre in centro, il tratto di via Monte di Pietà che va da via Verdi a via Romagnosi è chiuso al traffico mentre quello fino a via Gabba è a senso unico: qui si sta realizzando una nuova pista ciclabile. A luglio, poi, Palazzo Marino dovrebbe mettere a punto anche il piano delle asfaltature: se l’entità dei lavori è in linea con il 2016, dovrebbero essere una cinquantina. Infine, per evitare il rischio black out, tra luglio e agosto sarà potenziata la rete elettrica in viale Gadio e in via Legnano (vicino all’Arena), in via Benedetto Marcello, in via Ghisleri (zona Sant’Agostino), in alcune vie del centro e di San Siro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.