La tua voce: Riapre il Centro Sociale Macao e la musica dell’impunità dell’era Pisapia non cambia con Sala

Milano

Milano 10 Settembre – Pubblichiamo la denuncia di un lettore indignato per la riapertura del Centro sociale abusivo Macao.

“Buongiorno, Vi scrivo in merito alla ennesima riapertura del Centro Sociale Macao ABUSIVO. Apprendo dai quotidiani che domani sera (oggi ndr) 10/09/2016 il Centro Sociale Macao di Viale Molise 68 Milano aprirà la sua nuova ” stagione ” con serate a tema.

Nella scorsa legislatura guidata da Pisapia scrissi più volte chiedendo spiegazioni di come mai l’amministrazione non intervenisse per risanare una palese irregolarità su una proprietà del comune, purtroppo non ho mai ricevuto risposte.

Vorrei sapere se questi signori del centro sociale ABUSIVO Macao godono di una immunità comunale a discapito dei cittadini per bene che pagano le tasse e rispettano le leggi.

Credo sia dovere del Sindaco e del Prefetto in quanto responsabili della sicurezza di Milano ripristinare al più presto questa situazione che da qualche anno si trascina senza che nessuno veramente intervenga a livello giuridico.

In una riunione del Municipio di Zona 4 un rappresentante della Croce D’oro di zona segnalava il grande disagio per la loro sede attuale che presenta varie problematiche con atti vandalismo sui loro automezzi che sono parcheggiati sulla strada.

Credo sarebbe buona cosa dare a loro una nuova sede visto il servizio sociale che svolgono per la collettività, penso che la sede migliore potrebbe essere il centro Sociale ABUSIVO Macao che di sociale credo non abbia nulla a che fare se non fare business.

La passata  giunta Pisapia e anche quella in carica in questo momento a guida Sala sanno benissimo cosa succedeva e succede dentro al centro Sociale ma chiaramente se ne sono sempre ben guardati dal riprisitinare la legalità e fare rispettare le leggi vigenti.

Tutti  sanno bene che all’interno del centro sociale Macao vengono serviti pasti e panini e alcolici  senza  avere una regolare licenza, che non  viene rilasciato nessun tipo di scontrino che si svolgono serate musicali senza pagare i diritti d’autore alla SIAE

Da cittadino contribuente che paga tutte le tasse  sono indignato per questa situazione che si protrae nel tempo,  che è sotto gli occhi di tutti ma che sembra  nessuno  voglia prendersi la briga di agire nei termini di legge.

ARTICOLO 633 CODICE PENALE

Chiunque(1) invade [637]arbitrariamente terreni o edifici altrui, pubblici o privati (2) , al fine di occuparli o di trarne altrimenti profitto, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a due anni o con la multa da centotre euro a milletrentadue euro. Le pene si applicano congiuntamente, e si procede d’ufficio, se il fatto è commesso da più di cinque persone, di cui una almeno palesemente armata, ovvero da più di dieci persone, anche senza armi [112 n. 1, 585 2] (3).

Credo che qualcuno stia compiendo anche  una omissione atti d’ufficio

” Art 328 codice penale” facendo finta che il problema non esista nonostante l’evidenza dei fatti.

Spero che qualcuno possa veramente interessarsi e riportare la legalità nella mia zona.

In attesa di LeggerVi,  porgo Distinti Saluti.

Nigri Oscar

Milano Post

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.