Dopo le proteste dei superstiti, oggi funerali delle vittime ad Amatrice e non più a Rieti

Approfondimenti

Milano 30 Agosto – “Ho chiamato il premier Matteo Renzi e gli ho detto che le persone vogliono seppelire i loro morti qui, mi ha detto ‘sono con te, è giusto, i funerali si devono fare ad Amatrice e si faranno ad Amatrice, mi ha assicurato”: lo ha detto il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi. Una decisione assunta dopo un pomeriggio difficile. Gli abitanti di una Amatrice sconvolta dal sisma, tra lacrime di dolore, rabbia e disperazione, avevano protestato dopo l’annuncio della decisione presa dalla prefettura di Rieti di far svolgere i funerali delle vittime a Rieti, per motivi di sicurezza, legati anche alla viabilità e al temuto maltempo. “Vogliamo qui i nostri morti, li vogliamo seppellire noi, nella nostra terra. Noi a Rieti non ci veniamo, non vogliamo maxi schermi o vetrine. Vogliamo seppellire nella loro terra i nostri morti, siamo e restiamo qui per loro”: così un gruppo di sfollati si è prima radunato davanti alla sede allestita dalla Protezione civile, e che poi per strada ha continuato a protestare. Con loro anche il sindaco Sergio Pirozzi, “perché – aveva spiegato – è un paese già devastato dal dolore, lo Stato deve stare vicino alla gente. Se il paese deve stringersi intorno al dolore di Amatrice deve farlo qui, ad Amatrice”. Poco dopo, però, è arrivata la notizia: “I funerali si terranno ad Amatrice, ho appena chiamato il premier Renzi al telefono e gli ho detto che la gente vuole seppellire i suoi cari nella loro terra, vuole fare i funerali qui dove sono morti. I funerali si devono fare qui dove la gente è morta, la gente di Amatrice. E il premier mi ha detto ‘sono con te. E’ giusto: i funerali si terranno ad Amatrice”, ha detto il sindaco, raggiunto al telefono, ad Askanews. Il sindaco ha poi spiegato che i funerali si terranno oggi, martedì 30 agosto alle ore 18. L’ultimo bilancio del dipartimento della protezione civile parla di 290 morti. Sono 229 le vittime ad Amatrice, 11 ad Accumoli e 50 ad Arquata del Tronto. Ma la responsabile dell’ufficio emergenze della Protezione civile Immacolata Postiglione, nel punto stampa da Rieti, ha detto che sono in aggiunta due persone estratte senza vita dalle macerie ad Amatrice. (Askanews)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.