La ballata del banchiere Rossi

Società

Quella sera a Siena era caldo
Al Monte tanto caldo  faceva
Impiegato apra un po’ la finestra
E ad un tratto il capostampa cascò.

 

“Presidente io gliel’ho già detto
Le ripeto che sono innocente
Il Monte non vuol dire truffe
Ma per l’azionista giusti dividendi”

 

“Poche storie sei sospetto Rossi
Nei Paschi il tuo capo massone ha parlato
Lui è autore di questa spiata
I documenti glieli hai dati tu”

 

“Impossibile” – grida Rossi –
“Un muratore non può averlo fatto
Nel partito bisogna cercare
Che i documenti li avevano in sezion.

 

 Pompiere non se lo faccia ridire  

30 mesi ormai son trascorsi
Firmi qui che il video non c’è più
Giudice, ma non può esser caduto così”.

 

Quella sera a Siena era caldo
Al Monte tanto caldo  faceva
Impiegato apra un po’ la finestra
E ad un tratto il David cascò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.