Ubriaco violento molesta i passeggeri del bus e prende a pugni il conducente

Lombardia

Milano 10 Novembre – In viaggio con l’ubriaco. È stata un incubo lunedì mattina la corsa da Sesto San Giovanni a Carate Brianza di un pullman delle linee Autoguidovie Italiane. Colpa di un 50enne di Giussano che, in visibile stato di ebbrezza, ha danneggiato l’automezzo, ha molestato e malmenato i viaggiatori e, alla fine, ha sferrato un pugno all’autista, 33 anni, provocandogli un lieve trauma cranico. L’uomo, residente a Giussano, è stato arrestato dai carabinieri di Seregno per violenza contro pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio.

L’odissea è iniziata fin dalla prima fermata, a Sesto San Giovanni. Visibilmente ubriaco, il 50enne è salito sull’autobus senza nemmeno aver fatto il biglietto. Fin dai primi minuti ha iniziato a molestare i viaggiatori, urlando e insultandoli. Alcuni pendolari hanno cercato di calmarlo. Tutto inutile. Sempre più fuori di sé, il l’uomo ha iniziato a tirare calci e pugni dove capitava, danneggiando i sedili e gli arredi dell’autobus. Più di una volta l’autista è stato costretto a intervenire. Prima con un richiamo verbale. Poi, un paio di volte, rallentando e addirittura bloccando per pochi minuti la corsa dell’autobus.

 Quando è giunto al capolinea, a Carate Brianza, con un leggero ritardo, l’autista ha invitato il 50enne a scendere. Per tutta risposta, l’ubriaco gli ha sferrato un pugno in faccia e un calcio nello stomaco. Medicato al pronto soccorso dell’ospedale di Carate, il 33enne ha subito un trauma cranico, una ferita a uno zigomo e vari ematomi. La prognosi è di tre giorni. Dopo aver creato tutto questo trambusto, l’uomo se ne è andato come se nulla fosse accaduto. I carabinieri di Seregno, giunti con tempestività, lo hanno trovato ad alcuni isolati di distanza, mentre stava salendo sulla sua auto per tornare a casa. (Corriere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.