Il 4 luglio arrivano i saldi in Lombardia

Economia e Diritto

Milano 30 Giugno – “Confido in una buona partecipazione sia sul fronte della domanda interna, che per quella internazionale, attratta dall’unicità dei prodotti ‘Made in Italy’ e dall’eccellenza espressa dai nostri commercianti“. È quanto ha dichiarato Mauro Parolini, assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia, annunciando l’inizio dei saldi estivi in Lombardia nel giorno di sabato 4 luglio.

La concomitanza con Expo e la presenza di turisti sul territorio lombardo – ha aggiunto Parolini – rappresentano infatti un’opportunità interessante per il nostro tessuto economico e collocano questa edizione dei saldi in un momento particolarmente promettente, che spero potrà essere confermato da risultati positivi e numeri incoraggianti“. paroliniL’assessore Parolini, in qualità di presidente del Comitato regionale per la tutela dei diritti dei Consumatori e degli Utenti, ha inoltre sottolineato che “i saldi devono costituire una sana opportunità per il rilancio della domanda, in un rapporto collaborativo tra esercenti e clienti, che deve essere improntato al rispetto delle regole e della trasparenza“. “L’auspicio – ha sottolineato l’assessore – è che questa stagione di saldi segni la ripartenza del mercato interno, con una nuova propensione agli acquisti da parte dei consumatori e una rinnovata occasione per i commercianti di cogliere i moderati, ma incoraggianti, segnali di ripresa“.

Parolini ha infine ricordato le norme che disciplinano la materia: “I commercianti hanno l’obbligo di esporre, accanto al prodotto, il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto o del ribasso applicato (è invece facoltativa l’indicazione del prezzo di vendita conseguente allo sconto o ribasso); i prodotti in saldo devono essere separati da quelli eventualmente posti in vendita a prezzo normale e, se ciò non è possibile, cartelli o altri mezzi devono fornire al consumatore informazioni inequivocabili e non ingannevoli; se il prodotto risulta difettoso, il consumatore può richiederne la sostituzione o il rimborso del prezzo pagato dietro presentazione dello scontrino, che occorre quindi conservare. Tutte le normative sono pubblicate e consultabili sul portale di Regione Lombardia nella sezione dedicata al Commercio“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.