Violenze e insulti, per le donne capotreno sono ormai all’ordine del giorno

Milano 17 Giugno – Sui treni mena le mani anche l’avvocato in giacca e cravatta. Basta qualche minuto di ritardo e allora non c’è codice che tenga: cavalleresco, civile o penale che sia. Allora vale tutto, persino menare una donna. «Otto costole rotte – racconta Antonella, 31 anni, capotreno di Trenord da 9 –. È […]

Leggi tutto