Pil: Brunetta, “Crescita da zero virgola anche per il quarto trimestre del 2019”

“Con questo Governo il nostro paese è condannato alla recessione” “Il prossimo venerdì, l’ISTAT diffonderà le stime di crescita del Pil italiano relative al quarto trimestre del 2019 e all’intero 2019. Gli analisti si attendono una crescita trimestrale del +0,1% ma dopo gli ultimi dati negativi di novembre, che hanno registrato un calo congiunto di […]

Leggi tutto

Sì, Milano cresce, ma negli stipendi dei manager

Che Milano sia “attrattiva” per una parte del territorio, quella centrale dedicata al lusso, alle persone abbienti, alle luci di una città apparentemente vincente, è stato detto molte volte. Ora l’economia, la dinamica del lavoro e dell’occupazione conferma che a crescere, in Milano, sono gli stipendi dei manager che, naturalmente, sono propri di un modo […]

Leggi tutto

Cambiare le politiche europee stando in Europa. Votare per la crescita evitando altri 4 anni di promesse mancate

La campagna elettorale prosegue stancamente con questo copione. La sinistra attacca Salvini con la fesseria dei lenzuoli ai balconi, disegnandolo come l’uomo nero riproponendo lo schema della demonizzazione dell’avversario. Questo attacco martellante di intellettuali, media, giovani democratici col supporto di un pezzo di chiesa è l’unico argomento di Salvini e della sua Lega. Che non […]

Leggi tutto

Pil: Brunetta, “L’Italia rimane fanalino di coda mentre il resto d’Europa torna a crescere, grazie Conte-Salvini-Di Maio”

Il Pil italiano è cresciuto del +0,2% nel primo trimestre del 2019 ma l’Italia resta il fanalino di coda dell’Europa per livello di crescita. Il tasso di crescita medio dell’Eurozona rilevato oggi dall’Eurostat è infatti salito del +0,4%, ovvero ad un tasso doppio di quello del nostro Paese, con la Francia che è cresciuta del […]

Leggi tutto

Cgia di Mestre avverte: nel 2019 pressione fiscale al 43%

La revisione al ribasso della crescita “ha messo drammaticamente in luce” non solo il rallentamento della nostra economia e la difficoltà di mantenere in ordine i conti pubblici,ma anche un probabile aumento della pressione fiscale che, per la Cgia,nel 2019 rischia di sfiorare il 43%.La Cgia ricorda che “a dicembre il Mef aveva previsto un […]

Leggi tutto

ISTAT: Brunetta, “confermata la recessione tecnica, Italia fanalino di coda dell’Europa per crescita”

“Oggi l’ISTAT ha confermato che l’Italia è entrata in recessione tecnica nel quarto trimestre del 2018, essendo il Pil calato del -0,1% rispetto al trimestre precedente. L’istituto di ricerca ha rivisto al rialzo di un decimale il dato congiunturale ma al ribasso quello tendenziale, a 0,0%, dal precedente +0,1%. Il 2019 parte così con una […]

Leggi tutto

Sabato 23 febbraio un appuntamento con Forza Italia per parlare di sviluppo

Sabato 23, dalle 10:30, a Palazzo delle Stelline saranno presenti tutti gli esponenti milanesi e lombardi di Forza Italia per discutere della Tav, di infrastrutture e dimostrare che il partito c’è ed è in buona salute. Milano PostMilano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 […]

Leggi tutto

Economia: l’analisi di Oscar Giannino

Milano 15 Novembre  – L’aggiornamento delle stime economiche italiane della Commissione Europea rivela impietosamente il problema che oggi non sembra più preoccupare la politica italiana. Cioè la persistente debolezza strutturale della nostra ripresa, e le sue conseguenze sul percorso di rientro della finanza pubblica e sull’occupazione. Della produttività comparata, che perdiamo complessivamente da metà anni Novanta anche se quella della manifattura va […]

Leggi tutto

Il falso ottimismo sulle stime di crescita

Milano 27 Luglio – Se il principio del mutuo soccorso funziona tra i piccoli, figuriamoci tra i grandi; ecco perché, guarda caso, il Fondo monetario internazionale come la Banca d’Italia, l’Istat e Confindustria vedono un’Italia che nessuno vede. Si tratta ovviamente di un “gioco di squadra” nel quale il Governo va a nozze, tant’è vero che […]

Leggi tutto

Che pena che fa la Confindustria renziana

Milano 4 Luglio – Dobbiamo esserci sbagliati: la sede di Confindustria non si trova in viale dell’Astronomia ma in quello frequentato dagli astrologi. Solo così si possono spiegare le stime del Centro Studi sulle possibili conseguenze del no al referendum d’autunno. Un crollo del Pil del quattro percento, seicentomila occupati in meno, 430mila nuovi poveri e via strologando. Mancano solo la retrocessione della […]

Leggi tutto