Un mondo di nomi e soprannomi, allora. Io ero “El scartusin de bagul”

Luciana racconta: “Ci si chiamava per nome, spesso con un soprannome venuto da lontano, senza un perché, a ricordare una parentela, oppure il carattere, o l’aspetto fisico, la professione. Era un mondo a misura d’uomo, quando i rapporti esprimevano simpatia, vicinanza, condivisione. E chiamarsi per nome era già affetto, confidenza,amicizia. Si andava a far la […]

Leggi tutto

Racconti Milanesi “Ancora un valzer, un solo valzer e fa che sia di primavera”

Ancora un valzer, un ultimo valzer e fa che sia di primavera, là, in mezzo agli orti, tra il profumo di viole e glicini in fiore, là dove una mano sfiorata era la tenerezza e lo sbocciare del primo e unico amore, là dove ballare era la promessa di un’intimità sconosciuta Marina accarezza il dolore […]

Leggi tutto

Come eravamo “La Grande Milano nelle rughe delle mani stanche di Lorena”

La fatica del vivere nelle rughe delle mani stanche di Lorena. Rughe che si rincorrono senza allegria, rughe che raccontano fame e dolori, rughe che hanno scandito il tempo. Infinite rughe, ragnatele incise di memorie, di rinunce, di sacrificio. Lorena gesticola offrendo la sua vita, disegnando nell’aria un passato di donna del sud, il viso […]

Leggi tutto

Racconto di Natale “Ha gli occhi striati di sole. E non lo sa”

Ha gli occhi striati di sole. E non lo sa. Nel tempo della luce era esaltante vivere, ogni giorno, quell’estate di giovinezza che sembrava non finire mai. Briciole di ricordi immortali anche nell’energia appassita di oggi. Eppure è la vigilia di Natale. Il groviglio di luce là, nella strada, si attorciglia, diventa una palla di presenze […]

Leggi tutto

Aveva i passi stanchi e la mente confusa, l’anziano scomparso e poi ritrovato in Centrale

La fragilità di un anziano, confuso dall’Alzehimer, incerto tra le luci e i colori di una stazione Centrale nel ritmo frenetico degli arrivi e delle partenze in questi giorni festivi. Era scomparso dalla sua casa di Bergamo, per venire a Milano. Forse la suggestione di una memoria felice, forse la volontà di trovare qualcosa, ma […]

Leggi tutto

Li hanno trovati morti in casa, l’uno accanto all’altra, senza un perché

Li hanno trovati compostamente adagiati nel letto, sotto le coperte, probabilmente con quel pudore che una volta era un valore, un rispetto per chi li avesse individuati. Deceduti, non si sa da quanto tempo. Un odore malsano aveva incuriosito il custode dello stabile che aveva avvertito la polizia. Nel silenzio di una casa perfettamente in […]

Leggi tutto

Là dove il tempo è una domanda, un bimbo di 10 anni veglia per ore la mamma morta

Il tempo può essere una domanda senza risposta, un’attesa che non ha i limiti delle ore, ma la vibrazione della speranza. Forse capita solo a un bambino, a  chi ha un’eterna fiducia, ma quel bimbo che ha vegliato la mamma morta per un giorno intero, nel degrado di una sporcizia e di un disordine peraltro […]

Leggi tutto

Ornella muore di freddo nella sua vecchia 600 stringendo i perché senza risposta

Il paese, la latitudine di un luogo non contano. E neppure gli incontri, le mani tese, la volontà di scalfire la sua emarginazione sono determinanti. Ornella Occhini aveva fatto una scelta nel 2011 e mai l’avrebbe tradita. Con quel groviglio di dolore, di pensieri irrisolti, con una miseria che vestiva una vita incompiuta, aveva deciso […]

Leggi tutto