Storie esemplari

Storie esemplari di donne scritte con l’orgoglio e con il cuore

Seduta su un gradino sbriciolato dal tempo, la piccola Ena cercava nel vento una voce Il pianto, un silenzioso singhiozzo, e quelle sere lente e uguali, sempre in attesa, e quella scalinata maledetta, scavata nella collina… anche le margherite sorridevano timidamente e le oche si sentivano regine, e poi gli scarponi dei pastori in marcia senza […]

Leggi tutto
Dalle foibe, una vita, un viandante, una lacrima nel tempo racconta…

Nel ricordo delle vittime delle Foibe, un racconto

“Vent’anni fa la Repubblica cambiava pagina con l’istituzione del Giorno del Ricordo, ogni 10 febbraio, per non dimenticare la tragedia delle foibe che ha provocato il dramma dell’esodo. L’Italia si è lasciata alle spalle oltre mezzo secolo di tabù di Stato dettato dalla realpolitik in un clima di guerra fredda. Tito aveva fatto dimenticare le […]

Leggi tutto
MilanoPost Alex un musicista e un poeta di periferia

Milano: la storia di Alex, un musicista e un poeta di periferia

Aveva i ricci anche a sessant’anni come la barboncina adorata di nome Claudette. Avevano i ricci perché legati da un tempo di solitudine e di fame, di condivisione ideale, d’amore silenzioso e profondo. Avevano i ricci di una ribellione nascosta, di un grido taciuto per pudore, di una stanchezza di vivere che li aveva resi […]

Leggi tutto

Storia milanese: Severina sapeva cucire le tende, ma erano capolavori

Timidamente aveva bussato alla porta della sede di un’Associazione di volontariato, piccola, minuta, con i capelli ricci a malapena raccolti in uno chignon d’altri tempi. “Io so fare le tende”, aveva detto sottovoce, offrendo la sua abilità. Tende all’uncinetto, tende con le ruches, tende asimmetriche originalissime, tende soffiate come le nuvole. La sua specializzazione era […]

Leggi tutto

Una storia minima di ordinaria e straordinaria solidarietà, in periferia

Anna ed Elvira non si conoscono. Sono sedute a un bar di periferia accanto, senza troppe formalità, perché oggi è giorno di mercato e il bar accoglie anche chi vuole solo riposarsi e non ha le possibilità di bere un caffè. Anna si scalda con un cappuccino bollente, Elvira piange con pudore, i grandi occhi […]

Leggi tutto

Una tazza di lambrusco per ricordare Mario e la mia Milano

In una sera stanca di nebbia e di lavoro, in quella latteria a due passi da Corso Magenta, incontrai l’amore nel lontano 1960. Facevo la cameriera, la donna delle pulizie, un po’di tutto insomma, come si usava allora, senza tanti grilli di “questo mi compete e questo no”. Ringraziavo ogni giorno il Signore per quel […]

Leggi tutto

Brandelli di farfalla e formiche insaziabili, la mia vita

Brandelli di farfalla accatastati in un angolo da formiche insaziabili. Non si chiedeva il perché, Lucy, non era importante, non c’era ragione…ma quella farfalla troppo curiosa, stroncata da un volo ossessivo, era precipitata a terra, le ali aperte di giallo e di viola, senza un lamento per la gioia, si fa per dire, di un […]

Leggi tutto

“Il cesto”, un racconto di Natale in una casa di ringhiera nel 1952

Con gli auguri di Milano Post per un Natale solidale, condiviso, il racconto di un Natale del 1952 in una casa di ringhiera Avevo imparato a guardare e ad ascoltare la gente perché, in quell’isola di casa di via Borsieri, ci abitavano delle persone molto speciali. Così mi sembrava, allora, da bambina, perché un filo […]

Leggi tutto

La vita nei racconti Milanesi “Ancora un valzer, un solo valzer e fa che sia di primavera”

Ancora un valzer, un ultimo valzer e fa che sia di primavera, là, in mezzo agli orti, tra il profumo di viole e glicini in fiore, là dove una mano sfiorata era la tenerezza e lo sbocciare del primo e unico amore, là dove ballare era la promessa di un’intimità sconosciuta. Marina accarezza il dolore […]

Leggi tutto