Pre/post riformismo. Riformati e riformatorio, terzomondani e bonapartisti

Decenni di avanzi, molteplici edizioni dell’Avanti, sopravvivenze di storie politiche defunte e talkianamente sopravviventi, ripropongono con giusta nostalgia quell’età dell’oro in cui l’Italia toccò il proprio acme per poi avvilupparsi in una continua e sempre più veloce caduta nella quale tutt’oggi precipitiamo. Il termine magico è riformisti che nell’idea generica di un popolo alto, coltivante […]

Leggi tutto

L’arte contemporanea che “épate le prolétariat”

Monta un’irritazione generale verso l’arte contemporanea, manifesto ormai di un brutto strutturale. Dopo l’australiano Hughes, anche l’ex curatore del Museo Nazionale di Arte Moderna di Parigi, Clair è arrivato alla conclusione che l’arte odierna è spazzatura. Animali impagliati, neri sodomizzati da banane, scatolette di merda, tele imbrattate o bianche, muri sporchi, l’arte contemporanea viene scambiata sempre più […]

Leggi tutto

Ecco la destra che non conosciamo

Con preveggenza divinatoria, un anno fa Mazzuca, l’ex direttore del Resto del Carlino, l’ex consigliere Rai, l’accademico dei Filopatridi, il premiato amico degli Usa, l’ex deputato dell’ex Pdl, diretto erede di un Don Camillo non manesco, elzevirista de Il Giornale (ed horribile dictus anche di Repubblica), intellettuale conservatore ed umile, l’aveva scritto. Ormai solo Draghi […]

Leggi tutto

Lo spettacolo confida in Google

Proteste, occupazioni, siti-in, flashmob. I lavoratori dello spettacolo (e relativo service) si sono mobilitati dopo un anno di fermo e fame letterale, con i sindacati, gli studenti e gli aficionados della cultura in primis il ministro Franceschini, sempre a figurante protestatario, lui che dovrebbe stare nel mirino delle rivendicazioni. Fra piazza Gigli, Teatro dell’Opera di […]

Leggi tutto

Scalpi di inizio anno

2015, a metà del decennio scorso, Renzi, premier (il più giovane della storia d’Italia) impose un siciliano, il primo al Quirinale .Era reduce, da un anno, dalla più grande vittoria del suo partito, elevato al 40%, cifra, berlusconiana, mai più raggiunta dai democratici. Aveva vinto inaugurando le grandi elargizioni pubbliche caritatevoli. Aveva due anni prima conquistato […]

Leggi tutto