Nella tenda di Attila: tinta e volumi

Per riconoscere anche in questa partitura quale sia la riflessione politica del compositore, assai più sfaccettata che non quella di un dramma patriottico tout court come La battaglia di Legnano, basterebbero la funzione determinante affidata al tema dei Druidi «profeti del mal» nel Preludio e la trasformazione del finale dell’opera, inizialmente immaginato da Solera come […]

Leggi tutto

L’albero dei frutti selvatici

«L’uomo deve farsi filtrare dal tempo». Sono spesso fitti i dialoghi dei film di Ceylan: di citazioni e di rimandi letterari più o meno riconoscibili: questa volta, insieme all’amato Dostoevskij, anche Nietzsche in mezzo ad una piccola pattuglia di scrittori turchi. Con quella frase sul tempo Idris Karasu, padre di Sinan che è protagonista di […]

Leggi tutto

Gioacchino Rossini moriva 150 anni fa

Compose musica «che fa dimenticare tutta la tristezza del mondo» e suoi sono motti epicurei riferiti a «questa opera buffa che si chiama vita e che svanisce come la schiuma d’una bottiglia di champagne». Oggi l’immagine a tutto tondo ridanciana di Rossini è giustamente considerata fuorviante, essendo la vita e l’arte del compositore profondamente attraversate […]

Leggi tutto

“Elektra” alla Scala: la forza della ragione

Raccogliamo oggi i frutti folli dell’eccesso umano assistendo impotenti alle ribellioni della Natura. Ed è per questo che, fra le molte altre cose, abbiamo bisogno di sederci in ascolto di un’orchestra e di un direttore che ragionano – perché anzitutto ragionano – attorno ad uno dei capolavori simbolo della Modernità. E importa meno se mancano […]

Leggi tutto

“Ernani” alla Scala: Dell’arte e del mestiere

Potremmo adottare il frustro meccanismo del teatro nel teatro proposto dai responsabili dell’allestimento di questo Ernani scaligero per distinguere, pure attraverso la componente musicale, l’arte dal mestiere; o, se vogliamo, il grano dal loglio un po’ come si fa tra finzione drammatica e prosaica realtà. Certo è somma arte quella di Verdi che anima quattro […]

Leggi tutto

Orson Welles postumo: The Other Side of the Wind

  Sala gremita ieri sera all’Anteo per la prima e, si spera, non ultima proiezione milanese di The Other Side of the Wind, estrema fatica di Orson Welles girata fra il ’70 e il ’76, finalmente completata da Bogdanovich/Murawski/Legrand e presentata a Venezia poche settimane fa dopo tanti anni di attesa. Distribuita dal “famigerato” Netflix […]

Leggi tutto

Dimitri Mitropoulos dirige il Preludio di “Ernani” (Giuseppe Verdi)

Giochiamo un po’, si fa per dire. Nel 1844 «La Presse» riacquista i diritti delle Mémoires d’outre-tombe. In redazione sembrano tutti d’accordo con Chateaubriand: «la vita è una morte a ripetizione». Nel giugno dello stesso anno Kierkegaard pubblica Il concetto dell’angoscia, Baudelaire omaggia Sainte-Beuve cantando in versi la propria arte crudele («De la douleur pour […]

Leggi tutto