IL MERCANTE DI VENEZIA con Franco Branciaroli Teatro Manzoni dal 7 al 19 maggio

Cultura e spettacolo

IL MERCANTE DI VENEZIA  di William Shakespeare  traduzione Masolino D’Ami  con FRANCO BRANCIAROLI
Con i suoi potenti temi universali “Il mercante di Venezia” di William  Shakespeare – rappresentato per la prima volta a Londra nel 1598 –  pone questioni di assoluta necessità: scontri etici, rapporti sociali  e interreligiosi mai pacificati, l’amore, l’odio, il valore  dell’amicizia e della lealtà, l’avidità e il ruolo del denaro.   È un testo fondamentale che viene proposto in un nuovo, raffinato  allestimento firmato da Paolo Valerio: lo interpreta una notevole  compagnia d’attori capeggiata da Franco Branciaroli, che offrirà una  prova magistrale nel ruolo di Shylock, figura sfaccettata, misteriosa,  crudele nella sua sete di vendetta, ma che spiazza gli spettatori  suscitando anche la loro compassione.  > A lui, ebreo, usuraio, si rivolge Antonio, ricco mercante veneziano, > che pur avendo impegnato i suoi beni in traffici rischiosi non esita a > farsi garante per l’amico Bassanio che ha bisogno di tremila ducati > per armare una nave e raggiungere Belmonte, dove spera di cambiare il  proprio destino. Shylock che ha livore verso i gentili e sete di  vendetta per il disprezzo che gli mostrano, impone una spietata  obbligazione. Se la somma non sarà restituita, egli pretenderà una  libbra della carne di Antonio, tagliata vicino al cuore.   Parallelamente allo scellerato patto che Antonio sottoscrive, evolvono  altre linee del plot creando un’architettura drammaturgica di  simmetrie e specularità dense di senso.  C’è la dimensione di Belmonte, una sorta di Arcadia dove la nobile   Porzia, obbedendo al volere del padre, si concederà in sposa solo al  pretendente che risolverà un enigma scegliendo quello giusto fra tre  scrigni: a ciò ambisce Bassanio che vince optando per lo scrigno più  povero. Specularmente agisce Jessica, bellissima figlia di Shylock,  che tradendo le aspirazioni paterne, si unisce a un cristiano e fugge  rubando un anello appartenuto alla madre. E se Porzia e Bassanio  declinano il loro amore in modo “alto” più popolare ma simmetrico  appare il rapporto fra l’amico di lui – Graziano – e Nerissa, fidata  cameriera di Porzia.  Sarà l’intelligentissima dama “en travesti” ad intervenire come  avvocato in difesa di Antonio, quando questi – perdute le sue navi –  si troverà nella drammatica condizione di pagare la cruenta  obbligazione a Shylock. Con argute argomentazioni salverà la vita ad  Antonio, punirà la furia vendicativa dell’usuraio, assicurerà sostanze  e futuro a Jessica riuscendo a rimproverare al marito Bassanio la sua  scarsa costanza. Un mondo mutevole e vibrante di personaggi che  incarnano inquietudini, chiaroscuri e complessità di modernità assoluta

*BIGLIETTI**
*Prestige € 36,50 – Poltronissima € 33,00 – Poltrona € 25,00 –
Poltronissima under 26 anni € 16,00
Per acquisto:
*biglietteria del Teatro*
*online*https://www.teatromanzoni.it/acquista-online/?event=957218
*telefonicamente*027636901
*circuito Ticketone*
Teatro Manzoni
Via Manzoni 42 – Tel. 02 7636901

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.