MilanoPost otturazioni-amalgama

Non è più necessario rimuoverla LA “PIOMBATURA” NON E’ PERICOLOSA

Scienza e Salute

Il Consiglio Superiore della Sanità fa chiarezza

Finalmente il Comitato Scientifico costituito in seno al Consiglio Superiore della Sanità si è espresso.

Ha valutato eccessivo l’allarmismo sulle ipotetiche e comunque statisticamente trascurabili conseguenze dell’utilizzo dell’amalgama dentaria (la cosiddetta piombatura) che viceversa si è rilevata un ottimo rimedio e privo di effetti collaterali significativi.

Gli studi eseguiti sulla tossicità e biocompatibilità hanno permesso di definire che il mercurio proviene dalle otturazioni in amalgama non può costituire un rischio per la popolazione.

Viceversa dove suggerisce cautela l’esistenza, per la popolazione generale, di fonti multiple di esposizione al mercurio: alimentazione, ecodispersione, uso di farmaci.

Certamente occorre particolare prudenza e attenzione verso particolari sottogruppi quali i bambini di 6 anni, le donne in stato di gravidanza, i pazienti con gravi nefropatie e i pazienti allergici ai metalli contenuti nell’amalgama d’argento.

Va sottolineato che questo materiale, in uso ormai da oltre un secolo, è particolarmente resistente e garantisce otturazioni pressochè definitive: viene, da oltre venti anni, utilizzato solo in capsule predosate e con procedure (diga di gomma, ettc.) che garantiscono da inquinamento ambientale.

E’ inconsistente l’ipotesi di una correlazione tra sclerosi multipla (patologia del sistema nervoso che riconosce svariati fattori causali, tra i quali quello genetico) e l’amalgama come dimostrato da un recente studio effettuato in Canada (International Journal of Epidemiologu 1998).

Allo stato delle conoscenze, pertanto, non vi è indicazione alla rimozione delle otturazioni se non nei casi, sicuramenti accertati, di allergia all’amalgama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.