La Fabbrica del Vapore presenta “Fabbrica Design Week”

Cultura e spettacolo

In occasione della Design Week Fabbrica del Vapore presenta FABBRICA DESIGN WEEK, un’ampia panoramica di esposizioni e presentazioni dedicate al design, al progetto e alla ricerca; e un festival musicale con alcuni dei nomi più interessanti della scena elettronica.

Fabbrica del Vapore mette a disposizione circa 5mila metri quadri di superficie espositiva coperta, proponendosi come collettore per università, scuole, collettivi e designers indipendenti; 500 metri quadri di superficie all’aperto dove suoneranno alcuni fra i nomi più interessanti della scena elettronica internazionale.

Due le esposizioni realizzate e prodotte da Fabbrica del Vapore in occasione di FDW 2024: “Futuro Anteriore. Casva Cabinet Of Design Thinking. Affioramenti dagli archivi del progetto di Milano”, con le sue straordinarie monografie di autori che dal Novecento ad oggi hanno disegnato e rivoluzionato le strategie dell’abitare; “Ugo La Pietra, abitare è essere ovunque a casa propria”, che espone i suoi lavori di ricerca relativi al territorio urbano di Milano.

Altri spazi di Fabbrica ospiteranno piccole ma importanti mostre: “Cinzia Ruggeri, Paper Threads, disegni e opere dall’archivio di Cinzia Ruggeri”, dove saranno esposti prototipi e disegni in parte inediti; “Lorenzo Damiani, about marble” che racconta attraverso oggetti e disegni il suo approccio progettuale. Sarà presente in Fabbrica anche Matteo Mezzadri con l’installazione site specific “Il giardino di Artemisia”.

Partecipano a Fabbrica Design Week, anche molte altre realtà. La Scuola Del Design – Politecnico Di Milano presenta la mostra “Interdependence. Designing Relationship” sul tema dell’interdipendenza, ovvero della natura interconnessa degli elementi. ISIA Firenze è presente con l’installazione “Post Global Village. Oggetti_Migratori”, dedicata al fenomeno delle migrazioni climatiche, con un ricco programma collaterale legato agli stessi temi. L’Associazione DcomeDesign prosegue la sua ricerca nella creatività al femminile con la mostra “UPTO fino a che punto ci si può spingere…”, invitando a esplorare proporzioni audaci. Milano Makers nella nona edizione di Sharing Design propone diversi progetti tra cui “Emergency Design – design rebuilds life”, dedicato al design in tempo di guerra. Zona Sarpi presenta la mostra “Changes, Know now China”, che esplora i cambiamenti in atto nel lifestyle cinese. Dàmeda presenta “Dialoghi creativi. Spazi di contaminazione culturale”, inaugurando per la Fabbrica del Vapore un nuovo luogo di incontro. La mostra “Record Labels Logos how graphic design shaped music’s identity / Racconti Sonori” ci racconta invece i loghi delle etichette discografiche che hanno accompagnato visivamente la storia della musica.

Alcuni dei concessionari di Fabbrica del Vapore in occasione di FDW apriranno i loro spazi presentando mostre e proponendo incontri e conferenze.

Il piazzale di Fabbrica del Vapore diventerà una scenografia avveniristica pensata per l’occasione, e un’installazione al centro della scena, “The Circle” by Real Media, avvolgerà lo spazio in un vortice di luci e colori, con una stanza immersiva al suo interno e visual Arts immaginate da Monogrid: su questo sfondo dj e artisti internazionali si esibiranno dal pomeriggio fino a mezzanotte, seguiti da club night nello spazio Tempio del Futuro Perduto. Fra i nomi da segnalare: Sama’ Abdulhadi, la dj palestinese star dell’elettronica di avanguardia; Francesco Del Garda, uno degli artisti più amati dalla scena; Young Marco, fra i migliori produttori house deep olandesi, oltre a una serie di dj set di soli vinili e showcase quotidiani delle etichette discografiche più interessanti del panorama indipendente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.