Polizia

‘Ndrangheta, sequestrato immobile ad Arluno e conti correnti

Cronaca

La Polizia di Stato ha eseguito un provvedimento di sequestro di prevenzione dal Tribunale di Milano, Sezione Autonoma Misure di Prevenzione a carico di un cittadino italiano di 48 anni, ritenuto elemento di spicco della locale di ‘ndrangheta di Rho.

Il provvedimento è stato eseguito dalla sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali della Divisione Anticrimine della Questura di Milano. Il destinatario del sequestro è stato uno delle 55 persone facente parte dell’indagine ‘Locale di Rho’ le quali sono state indagate per i reati di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, estorsione, traffico di armi ove lo stesso risultava essere il coordinatore dell’attività illecita.

In ragione dei precedenti, del quadro indiziario di riferimento, ne deriva un giudizio di pericolosità sociale storica per l’appartenenza al sodalizio mafioso. Da tali elementi, è emerso, altresì, un quadro fattuale che consente di definire il 48enne quale elemento abitualmente dedito alla commissione di reati che, in relazione alla mancanza di redditi leciti, anche da parte dei familiari, consentono l’applicazione della misura patrimoniale. In particolare, all’esito di accertamenti patrimoniali, gli agenti sono risaliti a un’immobile acquistato all’asta dalla figlia del 48enne risultante finanziato unicamente dai guadagni originati dalle attività illecite svolte dall’uomo poiché la stessa risulta priva di ogni forma di reddito e non aver svolto nessuna attività lavorativa.

Il decreto di sequestro ha colpito la totalità del patrimonio riferibile al 48enne composto da un’unità immobiliare ad Arluno intestata alla figlia, oltre ai conti correnti dello stesso, della moglie e dei suoi figli per un valore stimato di 240mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.