La sconfitta di Roma 2030 rivaluta l’impresa della Moratti per aggiudicarsi Expo2015

Fabrizio c'è Milano

La disastrosa fine della candidatura di Roma a sede di Expo 2030 deve far riflettere l’Italia e Milano. Il successo della candidatura saudita di Ryad (119 voti ), che ha stracciato le altre pretendenti Busan/Corea del Sud (29 voti) e Roma (17 voti) è il  segnale del nuovo equilibrio del mondo: l’Italia e in generale i paesi della vecchia Europa, non possono competere dal punto di vista degli investimenti pubblici con le monarchie del golfo, la cui capacità di fare lobby finanziaria ma anche di tessere politica estera è superiore. Un monito dunque ai paesi europei  (che peraltro non hanno votato Roma), da una parte convinti di essere l’ombelico del mondo e dall’altro sempre intenti a costruire una Europa burocratica e iper regolatrice ma senza esercito e politica estera unica, quindi ininfluente nello scenario globale.

Alla luce di questa figuraccia della capitale però va compreso e rivalutato il miracolo compiuto nel 2008 per Milano da Letizia Moratti. All’epoca della scelta di Milano per l’edizione 2015, la forza dei paesi emergenti era già notevole. Precedentemente anche Trieste aveva perso la competizione con Saragozza per l’assegnazione dell’Expo del 2008. Eppure un grande lavoro di squadra tra le istituzioni ma soprattutto una cocciuta campagna fatta dall’allora Sindaco Moratti in tutto il mondo riuscirono ad aver la meglio sulle candidature turca di Smirne per 86 voti  a 61.

Diamo dunque a Letizia ciò che le appartiene. Il grande sforzo compiuto da Milano per tessere rapporti con tutti i paesi, mettendo in campo la Scala, le Università  e il meglio della imprenditoria e della cultura milanese e lombarda, la grande azione di pressione condotta dall’allora Sindaco per convincere uno ad uno i delegati Expo, sono stati la ragione determinante per l’assegnazione di EXPO 2015 a Milano. E la scelta visionaria di puntare sul grande evento planetario, forse non ha giovato abbastanza politicamente alla Moratti, che non fu rieletta Sindaco nel 2011, ma certamente ha premiato Milano e ha innalzato la sua immagine internazionale e il suo brand nella competizione tra grandi metropoli: gli effetti li vediamo ancora oggi nei flussi turistici e nella attrazione di capitali stranieri.

Certo nel 2026 avremo le Olimpiadi invernali, 2 settimane che però non avranno lo stesso impatto sulla città. Mancano però sindaci prima visionari e poi programmatori.

2 thoughts on “La sconfitta di Roma 2030 rivaluta l’impresa della Moratti per aggiudicarsi Expo2015

  1. Un corretto ragionamento di Fabrizio de Pasquale, a quanto vedo unico nel panorama media a riconoscere il grande merito della Moratti nel battere una concorrenza ricchissima ed agguerrita per l’aggiudicazione dell’Expo.
    Una sola nota a margine: ancora una volta fu il Centro destra ad eleggere una donna (in questo caso Letizia Moratti) in un ruolo amministrativo chiave, come ancora oggi il centro destra ha scelto una donna a capo del Governo Nazionale. Le Sinistre, quanto al ruolo delle donne, sono finora state bravissime a chiacchiere, ma pessime nei fatti: nessuna donna di Sinistra ricopre ruoli istituzionali rilevanti, coperti invece da soli uomini.

  2. Sei un osservatore eccezionale e sempre presente nel commentare ciò che realmente Forza Italia ha donato ai Cittadini Italiani e i benefici che i pensionati riceveranno prossimamente.
    Un notevole apprezzamento nei tuoi riguardi per l’attenzione che hai sempre avuto verso le “fasce deboli”. Sei ammirevole!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.