Piazza Gae Aulenti, 21enne accoltellato: 4 arresti per tentato omicidio

Cronaca

 La polizia di Stato al termine di attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano e dalla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Milano, ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di 4 giovani egiziani, due minorenni di 16 e 17 anni e due 20enni, ritenuti responsabili di tentato omicidio in concorso.

Le indagini svolte dai poliziotti del Commissariato Garibaldi Venezia hanno preso il via dall’aggressione il 2 settembre scorso quando un 21enne egiziano, attorno alle 21 presso il parco BAM di piazza Gae Aulenti, è stato ferito all’addome con perforazione dello stomaco.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti di via Schiaparelli, gli aggressori, dopo aver avvicinato la vittima che si trovava in compagnia di amici, forti anche della presenza di altri coetanei, con il solo scopo di scatenare una rissa, prima hanno minacciato il gruppo e poi hanno ingaggiato una lite passata alle vie di fatto: il 21enne è stato bloccato da dietro e colpito con un’arma da taglio all’altezza dell’addome, con la lama che secondo quanto risulta dalle indagini “veniva conficcata per tutta la sua lunghezza, trapassando lo stomaco, per poi essere mossa lateralmente come a squartarlo”, prima di darsi alla fuga facendo perdere le loro tracce.

Gli accertamenti hanno consentito di individuare i giovani ritenuti responsabili dell’aggressione: i due minori sono stati raggiunti in zona piazza Gae Aulenti, dove sono soliti stazionare nella serata del sabato; un 20enne è stato rintracciato all’interno di un alloggio abusivamente occupato con altri connazionali nello stabile di via Cavezzali 11 e l’altro indagato ha ricevuto la notifica del provvedimento presso la casa circondariale di Busto Arsizio (VA) in quanto già tratto in arresto per rapina.

I due minori sono stati condotti presso l’Istituto Penale per i Minorenni Beccaria e il maggiorenne presso la Casa Circondariale San Vittore. Il procedimento è nella fase delle indagini preliminari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.