Green a parole ma con le motoseghe sempre accese

Degrado Fabrizio c'è Milano

La Giunta verde abbatte altri alberi lungo Corso Concordia. Nell’ambito della risistemazione superficiale della tratta M4 fra Corso Concordia e Viale Argonne, si è compiuta una autentica strage di alberi, quasi tutti ippocastani.

Prima, nel 2014, sono stati abbattute 50 piante in Corso Indipendenza per consentire niente popo’ di meno che la realizzazione temporanea del lavaggio ruote dei mezzi di cantiere. Poi il 25 luglio di quest’anno il tornado che ha colpito Milano ha abbattuto almeno 60 piante dell’asse verde Concordia/ Plebisciti / Argonne: percentualmente qui sono caduti più alberi che in ogni altro luogo di Milano, forse anche per i lavori sotterranei M4 che sono intervenuti sull’area.

Infine oggi, per realizzare i soliti restringimenti stradali e raccordi ciclabili, altri alberi di alto fusto e con più di 70 anni di vita sono stati segati. L’amministrazione con più esponenti verdi della storia di Milano sarà quella che passerà alla storia per il maggior utilizzo delle motoseghe!

 

3 thoughts on “Green a parole ma con le motoseghe sempre accese

  1. se li rimpiazzassero non ci sarebbe problema
    se facessero la manutenzione non ci sarebbe problema
    ma non fanno nulla se non disastri

  2. Ciao, perciò se io non avessi letto questo articolo, non sarei diventato ancora più inc***to sapendo che non solo che dopo il disastro del 25 luglio abbiano non gestito il problema (da verificare) investendo nella ripiantumazione , chiesto alla popolazione di sostenere a proprie spese di partecipare alla ripiantumazione e ignorando il fatto che molti alberi sarebbero da potare dei rami. Continuano a distruggere la città per metro che a farle sopra il suolo sarebbe stato meno distruttivo, meno lungo come tempo di lavoro. Insomma questa città invece di bestemmiare usando parole o concetti green poi è tutto asfalto, case e cemento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.