La manutenzione di strade e tombini è più efficace dei sogni green

Fabrizio c'è Milano

Dopo le pioggia, inesorabili, le buche. Esaurita l’emergenza allagamenti sulle strade e i marciapiedi si notano i peggioramenti del manto stradale.

Questo fenomeno nasce da 2 problemi irrisolti di Milano e non certo dal cambiamento climatico.

Il primo è lo stato indegno dei tombini e della rete di raccolta acque, non solo nella vicinanze del Seveso ma in tutta la città. Persino Granelli  ha ammesso che non si è fatto abbastanza per tenere puliti i tombini e ammodernare la rete fognaria.

Il secondo è la pessima e carente manutenzione  stradale  che, da Pisapia in poi, vede stanziare cifre e impegnare tecnici in maniera inversamente proporzionale agli investimenti in ciclabili e piazze tattiche.

Buche e voragini sono un vero pericolo per la sicurezza stradale, così come per la incolumità dei pedoni. Un ciclista o un motociclista che non vedono un cratere come quelli che sono in foto possono morire o rimanere in carrozzina.

Però il Comune di Milano, così attento alla sicurezza stradale quando c’è da piazzare una quarantina di autovelox, non è altrettanto pronto e attrezzato per assicurare strade mantenute e sicure.

Sorge spontanea una domanda: come è possibile che nella città più ricca d’Italia, che versa 1,4 miliardi di tasse al Comune, ci sia una manutenzione così scarsa? E come è possibile che un Comune che incassa dalle multe 270 milioni (record italiano indiscusso) che per legge dovrebbero essere destinati al 50% alla sicurezza stradale, quando va bene ne spende (oltretutto male ) 20 l’anno per il rifacimento di strade e pavimentazioni?

Non c’è dubbio che ci troviamo di fronte a degli incapaci che non sanno organizzare manutenzioni. Le buone manutenzioni non sono di destra o di sinistra, ma solo obblighi precisi dovuti al cittadino contribuente.

Se guardiamo però gli investimenti del Bilancio comunale intravediamo una chiara scelta politica: negli ultimi 12 anni meno risorse per manutenzione stradale e fognaria, moltiplicate invece le risorse per ciclabili, piazze tattiche, ZTL, zone 30, restringimenti e altre inutili quanto futili iniziative.

A dimostrazione di questa impostazione  poco pragmatica ed efficiente e quindi poco meneghina, ecco l’ultima trovata di Sala e della sua Giunta Verde: mentre è acclarato che non riescono a sturare i tombini riparlano di apertura dei Navigli!

2 thoughts on “La manutenzione di strade e tombini è più efficace dei sogni green

  1. Bene Fabrizio. Ricordiamo anche lo stato pietoso di alcuni marciapiede, magari a fianco di lisce e uniformi ciclabili, con decine di tombini infossati o sporgenti (ogni gestore di telefonia ha il suo personalizzato), buche , avvallamenti, crepe, lavori non terminati, rappezzamenti su rappezzamenti.

  2. Concordo. Anche i marciapiedi della città soffrono senza distinzioni di una manutenzione inesistente, sono in condizioni pessime e quindi pericolosi per chiunque

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.