Rho (Milano), 7 giovani teppisti incappucciati seminano il panico in una scuola

Cronaca

Almeno 7 giovani, venerdì mattina, durante lʼintervallo delle lezioni, hanno fatto irruzione nellʼistituto Puecher di Rho (Milano), col volto coperto da passamontagna o cappucci, tutti vestiti di nero, e hanno lanciato petardi, mentre uno di loro ostentava una pistola, probabilmente giocattolo. L’episodio, raccontato da alcuni quotidiani milanesi, ha creato molta paura nell’istituto. I vandali hanno distrutto il laboratorio di Termica. Studenti e professori sono riusciti a girare video che saranno consegnati ai carabinieri perché risalgono ai responsabili. Nelle chat di genitori e alunni sono girate anche voci incontrollate: “Stanno sparando a scuola”. Il sito dell’Istituto ricostruisce così l’accaduto: “Durante lo svolgimento del primo intervallo, sette individui a volto coperto si sono introdotti nel cortile della sede Puecher sul lato di via Monfalcone, accendendo fumogeni, facendo scoppiare petardi e introducendosi in un’aula danneggiandone gli arredi e le dotazioni tecnologiche. Abbiamo ragione di pensare che possa trattarsi di studenti o ex studenti della scuola”. “A seguito dell’accaduto, che ha generato spavento e preoccupazione negli studenti e nel personale della scuola, è stato richiesto l’intervento delle forze dell’ordine con le quali stiamo collaborando per ricostruire l’accaduto e individuare i responsabili – scrive ancora la scuola -. Utilizzando le immagini delle telecamere di sorveglianza e i video girati dai docenti che erano in sorveglianza durante l’intervallo, provvederemo a segnalare con nome e cognome l’identità di tutti coloro che riusciremo a riconoscere al comando dei carabinieri di Rho. Gli stessi soggetti, se verrà confermato che si tratti di studenti dell’Istituto, saranno allontanati da scuola a tutela del diritto allo studio di tutti i nostri iscritti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.