Prof. Sorrentino: Mangia come un campione. La dieta per chi fa sport

Scienza e Salute

Gli Italiani sottovalutano l’importanza dello sport e circa il 40% conduce una vita sedentaria.

La sedentarietà aumenta con l’età ed è più frequente nelle donne. Fare poco movimento è un fattore di rischio per molte malattie. L’elenco dei benefici dello sport in generale è lungo: riduce il rischio di ammalarsi di diabete, abbassa i valori della pressione arteriosa e del colesterolo, previene le malattie cardiache. Ancora, è essenziale per il bilancio energetico e per un maggior consumo di calorie. Ci permette di conservare la nostra massa muscolare durante un regime dimagrante e a lungo termine ottimizzare i risultati ottenuti. Lo sport riduce anche l’appetito, sia per un effetto diretto sul cervello sia perché abbassa il livello di stress, che spesso ci porta a ricorrere al cibo come fonte di gratificazione.Le persone adulte dovrebbero svolgere almeno 150 minuti di attività fisica moderata durante tutta la settimana (l’ideale sarebbe 30 minuti ogni giorno, 5 giorni su 7). Se i 150 minuti a settimana consigliati vi sembrano tanti, non bisogna comunque rinunciare a muoversi. Le persone sedentarie che aumentano anche di poco il loro livello di attività fisica hanno comunque dei benefici. Chi pratica sport deve seguire una dieta che gli garantisca benessere psicofisico e deve essere adeguato sia al tipo di attività fisica che pratica che allo sforzo a cui si sottopone. La dieta dello sportivo non può essere uguale per tutti, ma deve essere personalizzata in base all’età, al sesso, al tipo di attività lavorativa, alla frequenza e all’intensità dell’attività fisica, alle abitudini alimentari.Deve contenere in modo corretto proteine, grassi, zuccheri, vitamine, sali minerali, fibre ed acqua compresa. Un muscolo disidratato può perdere fino al 40% della sua efficienza.

Tabella – Bere in modo corretto: prima, durante e dopo lo sport

Prima Bere fino a 0,5 litri di acqua minerale naturale fino a mezz’ora prima di dare inizio all’attività sportiva.
Durante L’ideale sarebbe bere 200 ml di acqua minerale naturale ogni 15 minuti. È assolutamente sbagliato evitare di bere, ma lo è anche esagerare. La perdita dei liquidi va compensata completamente solo dopo la fine dell’allenamento.
Dopo Dopo l’attività sportiva è consigliabile bere ancora, in funzione alla perdita di liquidi. L’importante è non bere troppo in fretta e non assumere bevande troppo fredde e/o troppo calde. L’ideale è scegliere acqua medio minerale in grado di ridare all’organismo i sali minerali perduti.

 

Ma cosa mangiano i campioni dello sport? Che tipo di alimentazione garantisce loro forza, resistenza e lucidità mentale? Quali sono i segreti per nutrire i muscoli e debellare il grasso in eccesso? Nel volume Mangia come un campione, edito da Sperling & Kupfer, il professor Sorrentino fornisce tutte le risposte ad amatori e professionisti, perché possano ottimizzare la propria dieta per restare in salute e migliorare le performance in ogni sport o attività fisica. Troverete tutte le indicazioni personalizzate a seconda dello sport che si pratica, perché pedalare in montagna non è come giocare a calcio, fare una maratona non è come tirare di boxe. Troverete molteinterviste del noto giornalista sportivo Daniele Dallera a grandi campioni.

Completano il volume tante ricette appositamente pensate per gli sportivi e per le loro necessità: da quelle antinfiammatorie a quelle ricche di ferro, da quelle che aumentano le difese immunitarie a quelle ricche di potassio, da quelle senza lattosio a quelle vegane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.