dispositivi anti angolo cieco

Unione artigiani: serve tavolo tecnico su divieti Area B e C angolo cieco

Milano

“Con la giornata di oggi si avvia un grande cambio nell’approccio alla sicurezza stradale in ambito urbano. Ora però occorre tornare a miscelare con attenzione i tempi, le scadenze, il mercato, le forniture tecniche. Ad oggi l’accelerazione di tutte le procedure sta mettendo in sofferenza la nostra filiera: dall’autotrasporto ai furgoncini di servizio dei nostri artigiani, dai taxi agli Ncc. La situazione che misuriamo sulla pelle delle nostre imprese è evidente: non si trovano dai concessionari mezzi nuovi a basso impatto ambientale dai concessionari, con tempi di attesa di 8/10 mesi e non ci sono nemmeno i sensori per l’angolo cieco. I tempi di installazione (6/8 mesi) e i costi sono schizzati alle stelle. I nostri artigiani sono sensibili al tema della sicurezza e a quello dell’inquinamento: la stragrande maggioranza dei nostri titolari si è adeguata per tempo ricorrendo spesso al noleggio ma i dati di fatto sono che il mercato non è in grado di rispondere a questo enorme picco di domanda. È pertanto indispensabile, dati alla mano, avviare un monitoraggio congiunto per pianificare nuove scadenze e garantire prospettive di sicurezza agli artigiani”. Lo dichiara Marco Accornero, segretario generale di Unione Artigiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.