Milano- Case popolari: i numeri sbugiardano Sala e Maran. ALER meglio di MM

Milano

“La querelle sulle case popolari a Milano con l’eterna lotta tra Comune e Regione ha tenuto banco per tutta la campagna elettorale e le fasi successive. Ancora oggi esponenti della sinistra come Majorino, Sala e Maran danno i numeri. Peccato che i veri dati sbugiardino la sinistra ed evidenzino come Aler sia nettamente più efficiente di MM”, interviene Samuele Piscina, Consigliere comunale di Milano e Capogruppo Lega in città Metropolitana.

“Ho voluto infatti fare un approfondimento e, dati di Aler alla mano, interrogare l’Assessore Maran sulle stesse fattispecie. Ho così scoperto, ad esempio, che gli alloggi sfitti di Aler a Milano sono circa 2.900 su un patrimonio di 43.245 case, pari al 6,7% del totale, mentre quelli di MM sono 5.268 su un patrimonio di 28.000 unità immobiliari, pari al 18,9% del totale. Numeri impietosi, infatti, che costringono addirittura il Comune a vendere alloggi, come quelli in viale Lombardia inseriti nel piano delle alienazioni, al fine di cercare di abbassare i tragici numeri. Così, mentre i milanesi finiscono in mezzo a una strada subendo una crisi senza precedenti, il Comune mantiene un numero spropositato di alloggi sfitti e ne vende ulteriori per l’incapacità di gestirli”.

“Si parla poi spesso di efficientamento energetico degli stabili e di recupero dei caseggiati. Ho quindi domandato quanti interventi vengano realizzati con il superbonus 110% e, anche in questo caso, i numeri sono davvero preoccupanti: Aler effettua 30 interventi nella città di Milano, mentre il Comune , tramite MM, solo 3. Insomma, mi sarei aspettato altri numeri da parte di un’amministrazione che a parole dichiara di essere attenta all’ambiente, alle fasce deboli, di essere efficiente e di avere capacità pianificatoria e di progettazione. Evidentemente le cose stanno diversamente”.

“Mi sembra palese”, conclude Piscina, “che il Comune di Milano non sia in grado di gestire in house gli alloggi di edilizia residenziale pubblica e ciò è confermato dagli stessi inquilini, nostalgici dei tempi in cui era Aler a gestire il servizio. Infatti, MM è evidentemente in difficoltà e con le risorse a sua disposizione non riesce a progettare interventi importanti e a gestire la manutenzione ordinaria, gli appalti in essere spesso non funzionano in modo adeguato, manca il contatto diretto con i cittadini, costretti a rimanere ore ancorati al telefono chiamando il numero verde perché non esiste un mezzo più moderno messo a disposizione per le segnalazioni. Insomma, l’attuale gestione fa acqua da tutte le parti. Sala e Maran battano un colpo e spieghino a Majorino che la gestione comunale non è sicuramente priva di deficit”.

Si allega risposta dell’Assessore Maran all’interrogazione consiliare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.