Testimonianza di un milanese “Fa male vedere Milano così”

Milano

La testimonianza vibrante di un milanese, Stefano Malinverno, che può essere citata come il malcontento di tanti cittadini che ogni giorno osservano le condizioni di degrado della città. Malinverno sul suo sito  Noi dei comitati Milano Zona 8  raccoglie segnalazioni, esperienze e lo sfogo ha quel sapore amaro dell’impotenza in cui purtroppo ritrovarsi.

“Io sono nato a Milano, sono cresciuto nel quartiere Cagnola, ho fatto le scuole in questo quartiere dove ci vivo tuttora, la mia attività in Mte Ceneri è Bottega Storica della città di Milano, Attività Storica della Regione Lombardia, Iscritta all’albo delle Botteghe Storiche d’Italia. Sono 40 anni che ci lavoro ogni giorno ininterrottamente, è stata aperta nel 1954 da mio padre, 69 anni di esercizio, quando c’erano ancora orti e ruscelli come quello in via Plana, stalle e cascine come quelle in via della Bindellina, l’Alfa Romeo al Portello, la Dogana in Piazza Firenze ecc ho imparato a camminare.

In questo negozio, tutti i giorni ho visto e scopato questo marciapiede prima di tirare su la saracinesca, il ponte ne conosco ogni angolo, tutte le vie annesse le ho viste crescere e modificarsi, ma MAI HO ASSISTITO A UN DEGRADO E NON SICUREZZA COME IN QUESTI ULTIMI 10 ANNI e attualmente ha raggiunto livelli invivibili: SPORCIZIA, BIVACCHI, URINA UMANA, DEFECATE UMANE, PATTUMIERA, MIGLIAIA DI BOTTIGLIE, FURTI, SCIPPI, MOLESTIE, TRUFFE, MINACCE, AUTO DERUBATE DI QUALSIASI RICAMBIO O ACCESSORIO, ANGHERIE, DISCARICHE ABUSIVE ECC

e la cosa che più mi fa male è vedere le Istituzioni minimizzare, non prendere provvedimenti e nascondere l’evidenza. Oramai il tempo dei proclami, delle promesse elettorali è finito, non servono i fans elettorali per nascondere una situazione oramai insostenibile”

Stefano Malinverno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.