Comune di Milano: i fondi per i Centri Estivi non bastano

Milano

Il denaro raccolto per i Centri Estivi non basta. Il giornale osservaBasti pensare che lo scorso anno furono stanziati oltre 3 milioni di euro per venire incontro alle esigenze di ben 4mila bambini, 264 dei quali affetti da disabilità. Per il 2023 i fondi sono decisamente più ridotti, nonostante gli interventi fatti in extremis a Palazzo Marino. Grazie a due emendamenti, uno dei quali presentato dalla maggioranza e l’altro dall’opposizione, è stato possibile recuperare complessivamente 700mila euro (500mila dal primo emendamento e 200mila dal secondo) una cifra che, specie effettuando il raffronto coi fondi dedicati all’iniziativa nel 2022, pare troppo risicata.” Eppure “Come opposizione abbiamo tolto risorse dalle nostre disponibilità per fare opposizione costruttiva”, ha commentato il capogruppo del Carroccio Alessandro Verri, come riportato da Milano Today“Grazie all’azione politica di tutti i partiti di centrodestra sono stati trovati fondi per garantire il servizio dai centri estivi per i bambini milanesi”, ha precisato anche il capogruppo di Fratelli d’Italia Riccardo Truppo. Obiettivo primario, anche nel centrodestra, è quello di “garantire il servizio”, come indicato espressamente anche nell’emendamento da 200mila euro presentato dall’opposizione.

Il vice sindaco di Milano ha comunque confermato l’intenzione del consiglio comunale di andare fino in fondo per realizzare il progetto dei Centri Estivi, recuperando dei fondi da“spese che non abbiamo ancora affrontato” e che potrebbero quindi essere posticipate e successivamente “continuando a dialogare con Roma”, con l’obiettivo di poter disporre di ulteriori risorse. Anche negli anni precedenti, ha ricordato durante la seduta Anna Scavuzzo, erano arrivati dei fondi da destinare ai campi estivi pure se solo “a fine anno come ristoro”: la speranza è quella di richiedere un anticipo su quel denaro. Anche perché, stando così le cose, si potranno accogliere le richieste di appena 1800 bambini (contro i 4mila dello scorso anno, meno della metà). Ma per ora i fondi non ci sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.