Nella Milano green di Sala anche i Verdi si lamentano: “Assessorato al Verde…dilettanti allo sbaraglio!”

Milano

Le contraddizioni di un Sindaco e di una Giunta che si affannano a dichiararsi  green e a propugnare ideologie  ecologiste, senonché, alla resa dei conti, si dimostrano assolutamente incuranti dello splendido patrimonio costituito dai grandi alberi che ombreggiano le piazze e i viali cittadini. Dell’abbattimento di bellissime piante anche secolari, con grande dolore dei residenti, ci siamo spesso occupati anche sul nostro giornale (v. Piazza Risorgimento, Città Studi, ecc). Ora però le segnalazioni e le critiche arrivano direttamente dai Verdi, membri della loro stessa maggioranza.

Ecco un post del consigliere Verde Carlo Monguzzi:

“Via dei Fusaro ( centro di Milano, isola di calore)
Ci hanno avvertito i cittadini indignati
I tigli abbattuti con autorizzazione,  perché bisogna costruire, e bonificare e per bonificare bisogna abbattere gli alberi
A sinistra i tigli questa estate, ora senza foglie, a destra la situazione oggi
Grazie Comune green, grazie!
Che vergogna!”

Gli fa eco Marco Salamon:

DILETTANTI ALLO SBARAGLIO (DEGLI ALBERI DI MILANO)

“Ieri mattina dei cittadini residenti in via del Fusaro mi scrivono disperati. Stanno iniziando a tagliare i grandi alberi di un giardino privato di fronte a casa. Facciamo uscire la Polizia Locale. I gentilissimi agenti arrivano, controllano e allargano le braccia: “Hanno l’autorizzazione”. Chiedo all’Assessora al Verde che fa rispondere dalla sua Assistente: “Forse hanno l’autorizzazione ad abbattere e poi compensano…ci informiamo” (cioè abbattono gli alberi grandi e mettono da qualche parte alberini neonati). Ma chi da questa autorizzazione ? Ovviamente il medesimo Assessorato al Verde che deve informarsi per capire se ha dato questa autorizzazione.

Intanto mentre questi dilettanti allo sbaraglio (degli alberi di Milano) si informano, il magnifico filare si è trasformato in catasta di legna. 

E il post termina “Se siete incavolati anche voi condividete questo poster disperato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.