Sostengono “Mettere regole è illegittimo” Le Ong superiori alla legge.

Economia e Politica

Pioggia di ricorsi da parte delle organizzazioni. Casarini attacca il governo: “Vuole criminalizzarci”

Medici senza frontiere «spara» bordate legali, Luca Casarini pontifica contro il ministro dell’Interno e Sea Watch bacchetta la Commissione europea. Il giorno dopo la presentazione del piano d’azione Ue sull’emergenza migranti, il mondo alla rovescia delle Ong dimostra tutta l’arroganza, impunità e insofferenza a qualsiasi norma o regola che non sia dettata dalla loro interpretazione del diritto del mare e umanitario.

Medici Senza Frontiere (Msf) ha presentato ricorso al Tribunale amministrativo del Lazio contro il decreto governativo, che il 5 novembre vietava alla nave Geo Barents di sostare nelle acque territoriali nazionali «oltre il termine necessario ad assicurare le operazioni di soccorso ed assistenza» solo per alcuni tra i sopravvissuti indicati dalle «competenti autorità italiane». L’atto firmato dai ministri Matteo Piantedosi, Matteo Salvini e Guido Crosetto, imponeva alla Geo Barents e alla Humanity 1 di rimanere nel porto di Catania solo per il tempo necessario a sbarcare le persone vulnerabili. Msf sostiene che il governo «ha operato una illegittima e discriminatoria selezione tra i sopravvissuti, autorizzando a sbarcare soltanto quelli considerati vulnerabili in violazione della normativa internazionale sul soccorso in mare». I pretoriani non governativi tuonano: «Non staremo in silenzio di fronte agli abusi e alle misure illegittime». Nel frattempo la Francia, patria d’origine di Msf, ha rispedito in Mali i primi due migranti sbarcati da Ocean Viking, che non avevano diritto all’asilo. La nave voleva entrare in un nostro porto per portarli tutti in Italia.

Fausto Biloslavo (Il Giornale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.