I miliardari più ricchi della Russia ecco quanto hanno perso in un anno

Esteri

Guerra, sanzioni e la debolezza del rublo hanno devastato le fortune delle persone più ricche del Paese.

La guerra di Vladimir Putin in Ucraina, il costo delle sanzioni all’élite russa e l’indebolimento del rublo hanno messo a dura prova la ricchezza dei miliardari russi. Ci sono 83 russi nella lista Forbes 2022 dei miliardari del mondo, in calo rispetto ai 117 dell’anno scorso. I restanti miliardari russi hanno un patrimonio combinato di 320 miliardi di dollari, 263 in meno rispetto a un anno fa.

I miliardari russi hanno visto il loro patrimonio crollare

Dall’anno scorso questi miliardari hanno perso, in media, il 27% della loro ricchezza, circa due miliardi di dollari a testa. Sei magnati hanno visto la loro ricchezza diminuire di almeno dieci miliardi: Leonid Mikhelson (-$ 10,9 miliardi), Alexey Mordashov (-$ 15,9 miliardi), Gennady Timchenko (-$ 10,7 miliardi), Vagit Alekperov (-$ 14,4 miliardi), Suleiman Kerimov (-$ 11,4 miliardi) e Tatyana Bakalchuk (-$ 10,9 miliardi).

Trentacinque russi che erano miliardari l’anno scorso sono usciti dalla lista del 2022. Tra i dropoff più importanti: il banchiere russo Oleg Tinkov e il gigante della tecnologia Arkady Volozh.

Nel frattempo, nell’ultimo anno la Russia ha coniato solo due nuovi miliardari: Denis Sverdlov della startup londinese di veicoli elettrici Arrival ed Egor Kulkov, uno dei primi partner di Pharmstandard, una società farmaceutica con sede a Mosca, e ora investitore in Cmr Surgical, un produttore di chirurghi robot che ha raccolto 600 milioni di dollari di finanziamenti nel 2021.

Ecco sei dei russi più importanti le cui fortune sono precipitate, inclusi i tre che hanno perso di più

I patrimoni netti sono all’11 marzo 2022; i confronti sono rispetto al 5 marzo 2021.

Vladimir Lisin
Patrimonio netto 2022: $ 18,4 miliardi (calo: $ 7,8 miliardi)

Lisin è la persona più ricca della Russia, ma il suo patrimonio è in calo di 7,8 miliardi di dollari, con una perdita del 30% rispetto a un anno fa. Il suo gruppo Nlmk è uno dei maggiori produttori di acciaio in Russia. Uno dei primi miliardari a criticare pubblicamente la guerra. In una lettera allo staff, poi pubblicata su LinkedIn a marzo, ha affermato che le “vite perse” in Ucraina sono state una “grande tragedia impossibile da giustificare”. A differenza di molti altri oligarchi russi, Lisin non è stato sanzionato personalmente.

Roman Abramovich
Patrimonio netto 2022: $ 6,9 miliardi (calo: $ 7,6 miliardi)

Sebbene il proprietario del Chelsea abbia guadagnato i suoi primi miliardi durante l’era delle privatizzazioni post-sovietiche avviate dal presidente Boris Eltsin, Abramovich oggi è il volto più riconoscibile delle recenti sanzioni provocate da Putin. L’oligarca è stato probabilmente avvelenato mentre facilitava i primi colloqui di pace tra Russia e Ucraina. Almeno quattro dei suoi beni, tra cui un jet Gulfstream G650, una villa londinese con 15 camere da letto del valore di 140 milioni di dollari e la sua amata squadra di calcio del Chelsea, sono stati congelati dai governi occidentali.

Abramovich è stato spinto a mettere in vendita il Chelsea a causa delle sanzioni. All’epoca annunciò che avrebbe creato una fondazione di beneficenza e il governo del Regno Unito avrebbe chiarito che avrebbe approvato una vendita solo se Abramovich se ne fosse andato senza intascare un centesimo. Ha anche partecipazioni in due colossi russi delle materie prime, Evraz e Norilsk Nickel, che hanno perso miliardi in valore. Nel frattempo, i suoi due yacht, del valore di 900 milioni di dollari, sono attraccati fuori portata in Turchia.

Vladimir Potanin
Patrimonio netto 2022: $ 17,3 miliardi (calo: $ 9,7 miliardi)

Potanin è ora la seconda persona più ricca della Russia, ma dall’anno scorso ha perso quasi dieci miliardi di dollari. Un altro degli oligarchi sopravvissuti alla transizione da Eltsin a Putin, ha una partecipazione del 35% nella società mineraria di nichel e palladio Norilsk Nickel. Il valore della quota è crollato dopo l’invasione dell’Ucraina da parte delle forze russe, sebbene le azioni si siano riprese nelle settimane successive.

I miliardari russi che hanno perso di più

Alessio Mordashov
Patrimonio netto 2022: $ 13,2 miliardi (calo: $ 15,9 miliardi)

L’ex persona più ricca della Russia ha perso oltre la metà del suo patrimonio dall’anno scorso. Mordashov è stato sanzionato dall’Ue a febbraio per i suoi “legami con i decisori russi”. È azionista di maggioranza della società siderurgica Severstal e del gruppo Tui, una delle più grandi società di viaggi e turismo del mondo.

Vagit Alekperov
Patrimonio netto 2022: $ 10,5 miliardi (calo: $ 14,4 miliardi)

Alekperov possiede una partecipazione nel gigante petrolifero Lukoil, una delle più grandi compagnie russe dopo le società statali Sberbank e Rosneft. La società ha rotto con gli altri giganti in Russia esprimendo le sue “più profonde preoccupazioni per i tragici eventi in Ucraina” e “sincera empatia per tutte le vittime, che sono state colpite da questa tragedia”. Alekperov, che una volta era un operaio di una piattaforma petrolifera, ha perso più della metà della sua fortuna dall’anno scorso.

Suleiman Kerimov e famiglia
Patrimonio netto 2022: $ 4,4 miliardi (calo: $ 11,4 miliardi)

Il magnate dell’oro Suleiman Kerimov è un membro della camera alta del parlamento russo. La sua fortuna viene dal produttore d’oro Polyus. Kerimov è stato sanzionato per la prima volta dagli Stati Uniti nel 2018 per presunto riciclaggio di denaro relativo all’acquisto di ville in Francia. L’Ue lo ha sanzionato il 15 marzo 2022.

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.