Enrico Letta fa flop anche sui social

Economia e Politica

E’ che vestito un po’ così, da docente universitario in permesso, gli occhiali da acculturato raffinato, l’espressione inamovibile, la gestualità assente, un disco rotto in tasca che sputa insulti gratuiti a Meloni e centrodestra, a chi ispira fiducia?

Alla classe operaia? A chi tenta di sbarcare il lunario con il suo negozietto? All’intellettuale che ha già idee sue? A chi? Neppure ai “compagni” che non trovano tracce del loro credo. Ma Letta, si dirà, ha agganci in ogni dove, è portatore del politicamente corretto, senza un lampo di idea creativa.

Divertente l’analisi, dati in mano, di Libero.

“Il disastro social di Enrico Letta lo raccontano bene i numeri del suo ultimo post anti-meloniano. Tralasciando i contenuti, roba da far addormentare anche uno appena sveglio – la solita solfa sulla Meloni che è femminile ma non femminista e vuole il patriarcato – è interessante soffermarsi sulle cifre: 3.000 reazioni su Facebook, di cui 1.100 soli veri like, di gente che davvero apprezza, e 1.900 faccine sorridenti, di gente cioè che lo prende per i fondelli e ad esempio nota, a buona ragione: «Faresti diventare di destra anche Berlinguer».
Ma soprattutto è stata una delle rare volte in cui un commento ha preso di più del post stesso: la risposta della Meloni sotto la frase di Letta, «Ma questi testi li scrivi tu? Perché o hai perso il senso della misura o stai pagando qualcuno che ti detesta», ha ottenuto quasi il triplo di like, circa 8.200. Già questo rende l’idea della direzione in cui sta andando il Paese. E della tragicommedia di cui sta diventando protagonista Letta.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.