Arrestato violentatore seriale in monopattino con l’accusa di 4 stupri

Cronaca

Un 21enne è stato arrestato dalla Squadra mobile di Milano con l’accusa di violenze sessuali su quattro donne, tra i 19 e i 33 anni, che avrebbe commesso tra maggio e giugno scorsi.

Il giovane avrebbe applicato sempre lo stesso schema: le avrebbe seguite “a bordo di un monopattino elettrico“, mentre uscivano da palestre delle zone centrali della città, e poi le avrebbe aggredite, anche mentre parlavano al telefono, costringendole a subire atti sessuali. E sarebbe scappato, poi, sempre alla guida del monopattino. L’ordinanza di arresti domiciliari è stata firmata dal gip Roberto Crepaldi su richiesta del pm Pasquale Addesso.

L’inchiesta, come si legge nell’ordinanza, vede al centro “quattro diversi episodi di violenza sessuale, tutti commessi tra il maggio e il giugno” scorso dal giovane, con precedenti per maltrattamenti sulla madre, il quale “sceso da un monopattino elettrico, ha costretto altrettante giovani ragazze a subire atti sessuali”. Tutti episodi denunciati dalle vittime.

Le indagini della Squadra mobile, coordinate dal pm Addesso e dal dipartimento guidato dall’aggiunto Letizia Mannella, sono arrivate all’identificazione del 21enne da una serie di elementi: “l’acquisto di un monopattino simile a quello ripreso sul luogo o in zone prossime a quelle delle violenze, la rassomiglianza dell’indagato” con le descrizioni fornite dalle vittime, i riconoscimenti delle stesse, il confronto delle “celle agganciate dal suo cellulare con gli spostamenti dell’aggressore”, i suoi “accessi alla metropolitana” e il suo “abbigliamento”. 

L’uomo, a quanto risulta, si spostava spesso tra il Piemonte e la Lombardia. Le violenze contestate nell’ordinanza sono state commesse a Milano. In un caso, il 20 giugno, avrebbe “seguito per diversi metri» a bordo del monopattino una 23enne, appena uscita da una palestra di viale Toscana, e l’avrebbe aggredita. Altri abusi sarebbero stati commessi dal giovane in via Vallarsa, il 14 giugno, ai danni di una 20enne che stava parlando al cellulare e sempre aggredita “alle spalle” e fatta cadere dall’uomo arrivato col mezzo elettrico. Una 33enne ha subito violenze con lo stesso schema in via Ripamonti il 27 maggio. E lo stesso giorno una 29enne è stata aggredita mentre rincasava, non lontano da Porta Romana. (Fonte Il Giorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.