Gli errori della ciclabile di Saint Bon vengono sanati a spese del contribuente

Fabrizio c'è Milano
Giusto per ribadire come vengono improvvisati i progetti delle ciclabili a Milano ecco una nuova puntata del caso di Via Saint Bon.
Qui durante il periodo Covid era sorta una doppia ciclabile che non porta da nessuna parte ma che restringe le 2 carreggiate e elimina centinaia di parcheggi. Risultato congestione di auto, mezzi pubblici e ambulanze bloccate e disagi infiniti per pazienti del CDI e del centro vaccinale.
Siccome questi interventi sono stati realizzati senza alcuna analisi e progetto, ecco che dopo appena un anno bisogna reintervenire per correggere errori e affrontare problemi che una buona progettazione avrebbe potuto prevedere. Ecco quindi che le scorse settimane è partita la realizzazione di 2 soste per disabili in Saint Bon all’altezza del CDI e la creazione di nuove corsie di svolta all’incrocio con Via Zurigo.
Naturalmente questo significa nuovi cantieri, nuovi disagi e nuovi lavori, e pure nuove spese. Tanto la filosofia della Giunta Sala e sempre la stessa. Si fanno le piste ciclabili e le piazze tattiche per far vedere che si realizza qualcosa, poi quando emergono gli errori progettuali si reinterviene a spese del contribuente e parte un continuo scava e rattoppa.
Ad esempio in Via Saint Bon è stato chiuso un torna indietro, ma si continua a non affrontare il problema principale: realizzare parcheggi al servizio dell’utenza CDI e sistemare la viabilità e la sosta di Via Lucerna. E così in futuro saranno possibili nuovi interventi e nuovi modifiche.
Che pena vedere Milano amministrata senza programmazione e solo con tanta improvvisazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.