La furbetta incassa il reddito di cittadinanza e coltiva marijuana in casa

Cronaca

Diciamolo, l’arte di arrangiarsi dei cosiddetti furbetti è indubbiamente una genialata, fino a quando va bene. Naturalmente a scapito dei cittadini perbene.

Si dà il caso, e la notizia è de Il Giornale, che “ a spingere i carabinieri del Nucleo radiomobile, comandati dal maggiore Carmine Elefante, a controllare l’appartamento del grande stabile «vecchia Milano» rimesso a nuovo da qualche anno all’angolo tra piazzale Dateo e via dei Mille – davanti all’ingresso del passante ferroviario (zona Monforte) –sia  stata proprio una lite animata tra madre e figlio. Quelle discussioni per cui i vicini, allarmati, chiamano il 112 affinché qualcuno verifichi che i residenti non si stiano ammazzando, insomma.

La lite era in pieno svolgimento ma le Forze dell’Ordine hanno trovato a detta del quotidiano “Luci e lampade Uva, rifornimento idrico, fertilizzanti e stufette per modulare la temperatura dell’atmosfera. Le piantine di marijuana dovevano crescere rigogliose, alte e belle nella tranquillità della camera da letto. Non importa se la casa era dimessa e poco accogliente e il clima (non quello atmosferico) sempre sopra le righe”.

La donna che non lavora e mai risulta aver lavorato in vita sua (non ci ha nemmeno provato), guarda un po’, percepisce il reddito di cittadinanza. E intanto, imperterrita, coltiva piantine di marijuana e spaccia. Di recente, inoltre, era stata denunciata per furto, segno che di cambiare vita proprio non c’era nemmeno la più lontana intenzione.

Quando si dice una “furbetta” organizzata…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.